Suscitano polemiche le dichiarazioni del medico di Bergamo Christian Salaroli



Le dichiarazioni del medico Christian Salaroli, anestesista rianimatore dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, secondo cui, in merito all’emergenza coronavirus, “Si decide per età, e per condizioni di salute. Come in tutte le situazioni di guerra”, finiscono all’attenzione della Procura della Repubblica di Bergamo.

ETA’ NON PUO’ ESSERE CRITERIO PER DECIDERE CURE

Il Codacons ha deciso infatti di presentare oggi un esposto contro ignoti alla magistratura affinché accerti se la situazione critica denunciata presso l’ospedale in questione possa configurare ipotesi penalmente rilevanti, come omissione di soccorso o concorso in omicidio colposo.
“Non vogliamo certo colpevolizzare la categoria dei medici, che sta lavorando in condizioni proibitive per salvare vite umane, ma quanto apparso sulla stampa non può passare inosservato – spiega il presidente Carlo Rienzi – Anche in altre importanti strutture milanesi, secondo notizie non confermate che circolano in rete, si seguirebbero criteri analoghi. Ma in nessun caso l’età può essere una discriminante quando si parla di salute pubblica, e non può certo rappresentare il criterio in base al quale decidere chi curare e chi no”.

REQUISIRE STRUMENTAZIONI NECESSARIE PRESSO CLINICHE PRIVATE E OSPEDALI MILITARI

“La carenza di posti letto e strumenti sanitari nei reparti di rianimazione non può portare a scelte come quelle raccontate dal medico dell’ospedale

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.