Roma, è di nuovo emergenza rifiuti

Un cassonetto dei rifiuti a Roma stamani alle 8:40 in via Giustiniano Imperatore, zona San Paolo, Roma Sud. 7 ottobre 2019. ANSA/STEFANO SECONDINO



E’ di nuovo emergenza rifiuti a Roma, con numerose strade della capitale che appaiono in queste ore ricoperte da spazzatura e l’Ama che non riesce ad assicurare il servizio di raccolta. Lo denuncia il Codacons, che chiede di adottare misure straordinarie in favore degli utenti.

E DOPO DICHIARAZIONI A.D. AMA, RIDUZIONE TARI IN FAVORE DEGLI UTENTI

“E’ evidente che dopo le dichiarazioni sullo sfascio dell’azienda rilasciate dall’Ad Stefano Zaghis la Tari debba essere ridotta – afferma il presidente Carlo Rienzi – L’ammissione dell’Ama sull’incapacità nella gestione della raccolta rifiuti deve portare ad una riduzione della tariffa pagata dalle famiglie della capitale, che di fatto pagano per un servizio che non ricevono”.

AZIENDA ALLO SFASCIO: SERVONO CONTROLLI SU TURNI LAVORATORI E LICENZIAMENTO PER INIDONEI

“I numeri forniti da Zaghis sono impressionanti: il 32% dei lavoratori Ama è inidoneo, e nei giorni di festa in tutta la città lavorano solo 1.700 addetti, un numero ridicolo se si considerano le dimensioni di Roma – prosegue Rienzi – Per questo chiediamo ai vertici Ama di disporre subito controlli a tappeto sul rispetto dei turni di lavoro da parte dei propri dipendenti, e di avviare le pratiche di licenziamento dei lavoratori inidonei, perché una metropoli come Roma non si può permettere di avere 3 dipendenti Ama su 10 inabili”.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.