I lavoratori immigrati nel nostro Paese rappresentano il 10% dell’occupazione totale

passalacqua



Nel 2018 i lavoratori immigrati nel nostro Paese hanno rappresentato il 10% dell’occupazione totale (2mln 455mila), generando una ricchezza pari al 9% del Pil (139 mld di euro). Dal 2015 al 2018 i residenti stranieri sono aumentati di 240mila persone, mentre 446mila italiani hanno trasferito la propria residenza all’estero.

Dati contro i luoghi comuni

Sono solo alcuni dei dati, contenuti nell’anticipazione del rapporto realizzato dalla Fondazione Di Vittorio che, come afferma il Presidente Fulvio Fammoni “cercano di confutare i tanti luoghi comuni: ‘gli immigrati ci rubano il lavoro e i nostri soldi’, ‘è in atto un’invasione’, e a riconoscere il loro contributo in termini demografici, economici, fiscali e occupazionali”. Una ricerca, che verrà presentata a gennaio prossimo, che nasce dall’esigenza prosegue Fammoni “di rappresentare la realtà” poiché, spiega “quando si fa leva sulle paure per avere consenso politico è difficile far prevalere il merito”.

Non è in atto nessuna invasione

Di fronte ad una grave crisi demografica dovuta al prevalere delle morti sulle nascite e all’emigrazione dei cittadini italiani verso l’estero (460mila italiani dal 2015 al 2018 hanno ottenuto la residenza in un altro Paese, a fronte di 156mila rimpatri), l’aumento di 240mila residenti stranieri, nello stesso periodo, non rappresenta un’invasione, anzi. Solo grazie ad un’equilibrata politica dei flussi migratori in entrata e attraverso interventi di sostegno della natalità si può contrastare la pericolosa crisi demografica.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19935 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.