Landini: “Non c’è tempo da perdere”



“In questi minuti è arrivata la notizia dall’azienda ai delegati che è stata sospesa la procedura di spegnimento dei forni. Questo è un primo risultato importante, ma adesso non c’è tempo da perdere”, così il segretario generale della Cgil Maurizio Landini al termine dell’incontro al Quirinale con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Vertenza non semplice

“Abbiamo comunicato a Mattarella – ha proseguito Landini – le nostre preoccupazioni per una vertenza non semplice che riguarda tutto il Paese. Il fatto che il Capo dello Stato abbia ricevuto i sindacati per discutere di crisi aziendali ha detto il leader della Cgil “è un atto eccezionale, significa che anche il presidente condivide le nostre preoccupazioni”.

“Abbiamo chiesto al presidente del consiglio Giuseppe Conte – ha spiegato – di convocare la proprietà e le organizzazioni sindacali perché A.Mittal deve revocare il suo provvedimento e discutere al tavolo come si applica l’accordo così come è stato firmato”.

Ripristino necessario

Secondo il leader della Cgil “il Governo, per quello che ci riguarda, deve ripristinare tutte le condizioni legislative che c’erano all’atto dell’accordo. E’ il momento della responsabilità e credo che sia sotto gli occhi tutti che questo significa dare un futuro al Paese, che vuol dire essere capaci di produrre acciaio senza inquinare e senza perdere un posto di lavoro”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 15813 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.