L’Italia che va a puttane



La senatrice Liliana Segre, dopo aver vissuto gli orrori dei campi nazisti, all’età di 90 anni è costretta, a seguito degli insulti e delle minacce che riceve quotidianamente, a vivere sotto scorta. Nel frattempo il sindaco di Pescara, Carlo Masci le nega la cittadinanza onoraria poiché mancano legami con la città.

Cittadinanza onoraria

Non sapevo che Pescara non avesse legami con le testimonianze dell’Olocausto e con gli impegni coraggiosi e quotidiani a mantenere viva la memoria ed i valori civili e morali sanciti dalla nostra Costituzione. A dire il vero, non solo perché vi ho vissuto 5 anni, so molto bene che i pescaresi sono portatori di questi valori; solo che, in merito, l’attuale sindaco fa più di una brutta figura, anche alla luce del fatto che sia Palermo sia Varese hanno concesso alla senatrice la cittadinanza onoraria.

L’unico legame che manca, assieme al cervello, è quello con la civiltà e guarda caso coinvolge sempre la stessa area politica.

Discriminata perchè africana

Ad Alessandria una bambina di 7 anni viene discriminata perché africana. Una sessantenne, infatti, mentre era a bordo di un autobus ed ha visto salire la bimba assieme alla madre e al fratellino, le ha urlato: “No, tu qui non ti siedi!”. Questo schifo è successo oggi ad Alessandria, non nel 1955 in Alabama.

Cori contro i napoletani

Durante la partita Roma-Napoli, l’arbitro Rocchi sospende la partita a seguito dei cori razzisti indirizzati a Napoli ed ai napoletani. E’ incredibile come dietro ad una palla ci siano tanti coglioni. Ribadisco che per fortuna i veri romani ed i veri napoletani sono uniti contro questi imbecilli.

Ululati contro Balotelli

Mentre si gioca la partita Verona-Brescia, dagli spalti dello stadio Bentegodi partono ululati e cori contro Mario Balotelli. Per l’allenatore del Verona Ivan JuricNon c’era niente, nessun buu razzista. Tanti fischi e tanti sfottò, ma proprio niente di razzista”. A ruota gli segue il presidente del Verona, Maurizio Setti, per il quale: “Noi tutti al Bentegodi non abbiamo sentito alcunchè. I tifosi del Verona sono particolari, hanno un modo di sfottere carico di ironia, ma il razzismo qui non esiste”.

Cari Juric ma mi faccia il piacere!  Caro Setti perché finge di essere sordo? Le spiego la differenza tra ironia e razzismo: se scrivo “Giulietta è una zoccola” sono ironico ma se faccio il verso della scimmia a una persona perché ha la pelle nera, sono uno sporco razzista, punto. Ricordo all’allenatore e al presidente che per Adolf Hitler “I negri erano delle mezze scimmie”.

Il capo ultras

Non dimentichiamo, poi, i versi poetici di Luca Castellini, capo ultras della Curva veronese: “Balotelli è italiano perché ha la cittadinanza italiana, ma non potrà mai essere del tutto italiano”.

In base al fine ragionamento del Castellini, neanche i veronesi sarebbero degli italiani visto che fino agli anni ‘40-’50 emigrarono, proprio come fanno oggi i senegalesi, alla ricerca di lavoro. Siamo all’assurdo…

Giustificazioni che mortificano

Ad essere tristi, però, non sono solo le parole del tifoso veronese, bensì le giustificazioni di chi, meridionale come me, trova gli ululati e questi versi solo goliardici. Meridionali come me che occupano nella società anche posti di prestigio visto che hanno avuto modo di studiare; è proprio vero che lo studio, senza l’apprendimento ed un cervello pensante, è solo un mero esercizio mentale.

Rom senza diritti

Siamo in periodo di sondaggi: orbene quello che sulla carta dovrebbe essere il secondo partito della capitale, ha in suo militante una persona che urla questo bel pensiero: “Un individuo, per il semplice fatto di essere rom, non ha diritto al reddito di cittadinanza”. Un vero inno alla tolleranza.

Libreria bruciata

Dopo essere stata danneggiata già il 25 aprile, la libreria “La Pecora elettrica” di Roma è stata incendiata; per qualcuno quel luogo di aggregazione e cultura non va bene.

La discriminazione sessuale spinge ancora oggi giovani omosessuali a gesti etremi.

Cultura dell’odio

Alcuni partiti anche se non sono dichiaratamente razzisti, mentre seminano la cultura dell’odio e dell’intolleranza, non prendono però le distanze da “certe cose”. Dai napoletani che fanno scappare i cani per la loro puzza, oggi sentono puzza di bruciato appena sentono parlare di diversità.

Questi partiti approfittano del fatto che il nostro diventa, giorno dopo giorno, sempre di più un paese di ignoranti. Il degrado culturale e la paura partoriscono l’odio. L’incattivimento sociale è addirittura foraggiato da una certa politica, perché è con esso che vede crescere i propri consensi.

Questi partiti hanno di fatto sdoganato un “razzismo banale”; per il solo fatto di essere italiani (attenzione non tutti gli italiani lo sono: gli zincari, i negri e i terrùn non lo sono) alcuni si sentono superiori ad un tunisino o a un albanese.

Oggi ci sono quelli che urlano “Prima gli italiani” (strano, perché Padania is not Italy, giusto?) mentre ieri c’erano coloro che urlavano “Prima i tedeschi”; slogan che nascono proprio da questa visione.

Mi avvilisce il fatto che chi dovrebbe per primo indignarsi e reagire, sia il primo a trovare mille e uno giustificazioni e risponde con un vittimismo consolatorio: se vivo male è perché lo stato protegge gli immigrati.

Di chi è davvero la colpa?

La sanità fa schifo? Colpa degli immigrati. Si muore adolescenti di cancro perché le nostre terre sono inquinate (chi ha inquinato di solito ha il colore della pelle bianca)? Colpa dei ricchioni. Il lavoro manca e le buste paga sono uno schiaffo alla dignità? E’ colpa degli “zincari” e non degli imprenditori che approfittano della situazione (quanti “bianchi” dicono che non trovano lavoratori perché c’è il reddito di cittadinanza? Gli stessi bianchi che vorrebbero farvi lavorare 12 ore al giorno 7 giorni su 7 per meno di 780 euro al mese).

Insomma questo è un paese che va sempre di più a puttane, ma non quelle che esercitano il mestiere più antico del mondo.

Un paese così mi fa schifo e, seppur sconfortato, lotterò per cambiarlo.

Dante Alighieri

Dante ebbe a scrivere: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincie, ma bordello”. Parole attualissime.

Concludo con i versi di Martin Niemoller:

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare”.

Il prossimo chi sarà?

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 15813 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.