Rocca Cencia e Salone, due simboli di un approccio da cambiare



In una sola serata altri due roghi di vaste proporzioni hanno avvelenato l’aria del già provato
quadrante Est: prima l’impianto Tmb di Rocca Cencia, poi il campo rom di via di Salone. In entrambi
i casi si sospetta che gli incendi siano stati di origine dolosa. Il che avvalora quanto i Gruppi Ricerca
Ecologica sostengono da tempo, ovvero che l’approccio alla gestione dei rifiuti ed alle
problematiche ambientali vada immediatamente cambiato: «i due episodi rappresentano, infatti,
due facce della stessa medaglia – sostengono i Gre Lazio – da un lato quella di un’Amministrazione
che tra continui insuccessi si affanna a tentare di trovare una soluzione alle decine di tonnellate che
ogni giorno i romani producono ma rifugge dall’unica scelta che possa condurre a qualche
successo, ovvero la raccolta differenziata spinta; dall’altra quella dello smaltimento illegale di rifiuti
urbani, speciali, pericolosi e tossici, accumulati su un’area di almeno 19 ettari, ovvero 190.000mq,
nell’indifferenza più totale delle istituzioni nonostante la mappatura da noi effettuata ed inviata a
tutti i livelli e liberamente consultabile da chiunque al seguente link: https://bit.ly/2F41J2Z
« Sono infatti 125 i siti di sversamento da noi censiti – affermano i GRE – tra cui ben 16 discariche
abusive, inclusa quella a ridosso del campo rom di via di Salone: ma perché le Istituzioni si ostinano
a non voler ripristinare le minime condizioni di salvaguardia della salute e tutela dell’ambiente?
Perché si acconsente a far accumulare illegalmente montagne di rifiuti? Quali interessi ci sono? La
situazione nel quadrante Est di Roma Capitale non è più sostenibile, ed anche i dati epidemiologici
del servizio regionale confermano l’incidenza di patologie gravi e mortali in misura ben superiore
alla media della Regione Lazio: adesso chiediamo che ARPA monitori attentamente gli inquinanti
diffusi nell’aria da questi due incendi, come fatto nel caso del Tmb Salario o della Eco-X di
Pomezia».
I GRE non fanno sconti anche su Rocca Cencia: « quell’impianto è sbagliato e non avrebbe mai
dovuto sorgere, rappresentando esclusivamente il sogno visionario di chi forse aveva interesse
esclusivamente a far ‘circolare’ i rifiuti in giro per l’Italia a peso d’oro pagato dai romani e
dall’Amministrazione Capitolina. Da anni siamo vicini ai comitati di quartiere che denunciano le
irregolarità, le emissioni, i misteri di uno stabilimento che tra l’altro è più impenetrabile di una
caserma nonostante sia funzionale ad un servizio pubblico così sensibile come la gestione dei rifiuti
solidi urbani. Ed adesso siamo vivamente preoccupati perché uno stop di Rocca Cencia potrebbe o
far ripiombare la città del caos delle mancate raccolte o riportare sulla scena soluzioni che
speravamo fossero state abbandonate da tempo, ovvero il conferimento in discarica

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22651 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.