Raggi: “Congedo parentale più lungo ed anche per gli uomini”



Così la prima cittadina della capitale sulla sua pagina Facebook:

Congedo parentale più lungo ed anche per gli uomini. Una proposta contro le differenze di trattamento nel mondo del lavoro.

La parità di genere non è soltanto un concetto astratto verso cui tendere: è una realtà realizzabile attraverso misure ben precise ed una visione culturale che ponga al centro l’uguaglianza tra uomo e donna. In tutto.

Non solo prevedendo misure di repressione nei confronti degli uomini che ‘odiano le donne’, o che le sfruttano, ma pensando ad una più importante riforma di tipo culturale. Roma Capitale, ad esempio, in questi giorni sta portando avanti un nuovo regolamento di Polizia Urbana che tende da un lato a punire i clienti delle prostitute e, dall’altro, al recupero delle donne vittime di questo sistema brutale. Sono passi importanti che le amministrazioni locali possono fare per dare l’esempio, ma è chiaro che serve altro.

Vorrei buttare un sasso che, mi auguro, possa creare dei cerchi concentrici come in uno stagno: dobbiamo avere il coraggio di scardinare alcuni sistemi consolidati che riguardano, ad esempio, la disparità salariale tra uomini e donne e le differenze nelle assunzioni.

Durante un colloquio di lavoro, spesso, il datore considera la fertilità della donna come un vulnus: perché potrebbe prendersi alcuni mesi di maternità, come, del resto, è sacrosanto che sia. Per l’uomo non è così. Sembra dunque automatico, per chi assume, ragionando in termini di profitto, assumere un uomo.

Ecco la mia proposta: il congedo obbligatorio deve diventare obbligatorio anche per gli uomini, perché essere genitori non è una diminutio ma un arricchimento. Nei primi sei mesi di svezzamento è naturale che la donna entri in congedo, per i restanti sei, invece, potrebbe essere il papà a godersi la novità. Da questo si comincia per non parlare più di quote di genere. Avendo le stesse chances nessuno rinuncerà più al lavoro per avere un figlio o viceversa.

Il mercato del lavoro va orientato, soprattutto da noi legislatori. Un domani, in tal modo, invece che pensare a misure repressive per gli uomini che sfruttano le donne, l’uomo arriverà a capire che la donna è una compagna di viaggio e non un oggetto da consumare.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13748 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

1 Commento

  1. Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.
    P.S. I relativi soggetti possono essere sanzionati per evasione fiscale, anche per le tasse locali (art. 36 comma 34bis Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con la Sentenza n. 10578/2011).

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.