Smeriglio (vicepres. Regione Lazio): “Doppio ruolo Zingaretti? Lo hanno fatto in tanti, la differenza è che noi in Regione già c’eravamo”

massimiliano-smeriglio-ok



Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione Lazio, è intervenuto ai microfoni de “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sul PD di Zingaretti

“Un anno fa il PD e tutte le forme organizzate della sinistra sono state asfaltate alle elezioni politiche e lì si è capito che c’era bisogno di portare l’esperienza che avevamo costruito sul piano regionale a livello nazionale –ha affermato Smeriglio-. Da lì è nata l’idea di Piazza grande, uno spazio politico in movimento. La stagione de L’Ulivo è stata l’unica vincente del centrosinistra, è anche vero che sono passati 20 anni e quella frammentazione di partitini non esiste più. Noi vogliamo quello spirito di pluralità, l’idea che non tutte le biografie del campo del centrosinistra possano essere rinchiuse in un partito. Il successo di Zingaretti alle primarie è un segnale di controtendenza lieve, come lo è stata la manifestazione a Milano, come lo è stata la mobilitazione delle donne contro il ddl Pillon. Quella che dobbiamo fare è anche una battaglia di carattere culturale contro il cercatore costante di capri espiatori che è Salvini. C’era un vuoto drammatico nell’opposizione e oggi quel vuoto è stato colmato, fortunatamente con la spinta di 1 milione e 800mila persone e con un plebiscito per Zingaretti”.

Sul doppio ruolo di Zingaretti, che non lascerà la presidenza della Regione Lazio

“Sicuramente qualcuno avrà detto non si può fare, la realtà è che l’hanno fatto –ha dichiarato Smeriglio-. Renzi è stato punto di riferimento nel partito e al governo. Il M5S ha un capo assoluto. Salvini fa cento ruoli. Berlusconi è il padrone del suo partito. La differenza è che noi qui alla Regione già c’eravamo, c’è una squadra solida e poi diciamoci la verità, Zingaretti ha anche un ottimo vicepresidente”.

Su Renzi

“Renzi al momento non ha detto ‘Nicola stai sereno’ quindi non mi preoccupa. Io penso che chiunque abbia a cuore il campo democratico dovrebbe essere contento per l’exploit di Zingaretti. I renziani passati sul carro di Zingaretti? Ricordo tanti dirigenti del Pd che in una notte passarono da Bersani a Renzi. E’ naturale che ci siano riposizionamenti, ma questo non mi sembra il centro della questione. Credo che Renzi sia una risorsa del campo democratico, spero sia collaborativo”.

Sul reddito di cittadinanza

“Se fai il reddito di cittadinanza devi fare anche il salario minimo per legge, perché se no il reddito rischia di fare anche dumping. Io con Sel 10 anni fa ho raccolto le firme per il reddito di cittadinanza, credo molto in questa politica, ma non penso che la modalità scelta dal M5S sia quella più adeguata. C’erano modelli europei più efficaci secondo me”.

Sul Tav

“La Tav ha preso la scena, ma Nicola per prima cosa ha incontrato i governatori di centrosinistra per rimodulare l’ipotesi sull’autonomia differenziata che è un’altra cosa sbagliata che sta accadendo nel nostro Paese. Poi per quanto riguarda la tav, io ho le mie idee che non coincidono con quelle prevalenti nel centrosinistra, penso che quella della tav sia una storia consumata. Detto questo, mi pare che la proposta di Chiamparino sia quella più adeguata, si faccia un referendum e si chiuda questa vicenda che dura da 30 anni”.

Fonte: Radio Cusano Campus

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 
Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.