Inail: bilancio in attivo



L’avanzo registrato dall’Inail nell’esercizio finanziario 2017 è stato di 1,63 miliardi di euro.  Se da un lato l’aspetto non può che essere positivo, finalmente una struttura pubblica chiude con un bilancio in attivo, dall’altro costituisce un problema per le aziende. In altre parole pagano troppo, in particolar modo i piccoli,  per avere dei ritorni insufficienti.

A sollevare il problema è il numero uno del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Istituto, l’organismo nel quale siedono sindacati e datori di lavoro, Giovanni Luciano. Che dà il numero preciso: l’Inail ha chiuso il bilancio consuntivo del 2017 con un avanzo di 1 miliardo e 630 milioni ed è “troppo”. “Sarebbe meglio – afferma il presidente dell’organismo di controllo – avere minore positività economica ma migliori prestazioni e migliori rendite per gli infortunati”.

Luciano precisa che la sua vuole essere una “critica costruttiva”, non certo un attacco “a un ente in cui si riesce a tenere un invidiabile avanzo finanziario”. Ma il problema è presto detto: se quell’avanzo si genera è perché l’Inail incassa una decina di miliardi – di fatto i contributi versati dalle imprese – mentre le sue uscite si fermano a poco più di otto miliardi. Ora, è il ragionamento di Luciano, per quale ragione i datori di lavoro devono versare più di quel che è necessario per il funzionamento dell’Inail e per l’erogazione delle sue prestazioni? Quel che chiede Luciano “è di riequilibrare la situazione”, appunto in maniera costruttiva.

Pertanto, sarebbe ora ridurre le tariffe, in particolar modo alle piccole e piccolissime imprese;  anche se alcune contrazioni sono intervenute attraverso le leggi di Stabilità. Nella relazione per il 2017, ad esempio, l’Inail ricordava che “sul bilancio hanno inciso anche nel 2017 le misure della legge di stabilità per il 2014: la riduzione del 16,48% di premi e contributi è parzialmente tamponata dai 700 milioni di euro trasferiti dallo Stato. Hanno gravato i 204 milioni riversati allo Stato per riduzioni e razionalizzazione della spesa. Anche per il 2018 sarà attuata la riduzione di premi e contributi, nella misura del 15,81%, per un importo di un miliardo e 200 milioni di euro”. Se non ci fossero stati questi tagli da 1,2 miliardi, dunque, l’avanzo sarebbe volato verso i 3 miliardi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20938 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.