Via della Moschea, aggredisce la compagna: trovate armi da taglio



Aveva aggredito la sua compagna di 60 anni provocandole un trauma cranico e
facciale, oltre a diversi ematomi al viso e alle mani. Fermato e arrestato in via
della Moschea, lo scorso 5 maggio, dalla Polizia Locale del II Gruppo Parioli,
l’aggressore è finito dietro le sbarre di Regina Coeli.

I fatti

La donna, che subiva ripetutamente percosse dal compagno da diversi anni, dopo
l’ennesima violenza di venti giorni fa, ha deciso di denunciare l’uomo. I giorni
scorsi, gli agenti dei Reparti di Polizia Giudiziaria e NAE (Nucleo Assistenza
Emarginati) del Gruppo Parioli, su disposizione della Procura della Repubblica,
hanno proceduto alla perquisizione della precaria dimora dei conviventi, in un’area sita in Viale della Moschea. Questo il posto dove la vittima aveva dichiarato di subire violenze e maltrattamenti. All’interno sono state ritrovate numerosi armi da taglio, mazze e oggetti atti ad offendere.

La vittima è stata affidata ad un centro di accoglienza messo a disposizione dalla Sala Operativa Sociale di Roma Capitale, per poi essere destinata ad una struttura anti violenza. L’area dove vivevano i due senza fissa dimora è stata interamente bonificata con la collaborazione del Nucleo Pics (Pronto Intervento Centro Storico) e del personale Ama che ha provveduto a rimuovere una grande quantità di rifiuti, masserizie ed utensili.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13103 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.