Riforma Renzi del Terzo settore: un primo bilancio

Renzi



Entrata in vigore e novità

La riforma Renzi del terzo settore è diventata legge nel luglio 2016, dopo un iter di 3 anni, con un’attuazione progressiva completatasi nell’agosto del 2017.

La legge è un primo codice che regolamenta le attività legate al Terzo Settore introducendo la qualifica di Ente di Terzo Settore (ETS). Rientrano in questa classificazione: le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale, gli enti filantropici, imprese e cooperative sociali, le reti associative, le società di mutuo soccorso, le associazioni, riconosciute o non riconosciute, le fondazioni e tutti gli enti privati diversi dalle società che perseguono, senza scopo di lucro, finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale svolgendo attività di volontariato o di erogazione gratuita di denaro, beni o servizi, o di mutualità o di produzione o scambio di beni o servizi.

Le principali novità introdotte mirano ad assicurare maggiore libertà di gestione e finanziamento agli ETS. Quest’ultimi infatti potranno svolgere attività anche diverse da quelle di interesse generale, sociali e civiche, purché si mantengano coerenti con le finalità senza scopo di lucro. Potranno inoltre realizzare campagne di raccolta fondi rispettando le linee guida del Ministro del lavoro e delle politiche sociali.

Viene ridefinita anche la figura del volontario che può svolgere attività all’interno dell’ente con eventuale rimborso spese, ma senza usufruire di qualsiasi forma di rapporto di lavoro. Il Codice disciplina anche i rapporti tra gli Enti Pubblici ed il Terzo settore che potranno collaborare in progetti di partnerariato per la gestione di servizi pubblici purché abbiano costi più favorevoli rispetto al mercato.

Obiettivi e Nascita della Fondazione Italia Sociale

Dall’analisi delle novità introdotte dalla riforma del Terzo Settore si intuisce che l’obiettivo è innanzitutto quello di regolamentare un settore multisfaccettato e di offrire nuove opportunità agli enti per autofinanziarsi e stipulare accordi extra. In tal modo si ritiene di tutelare non solo un’eccellente assistenza, ma di sviluppare nuove opportunità lavorative.

In questa direzione ha lavorato Vincenzo Manes, consulente pro bono della riforma, al qual spetta anche l’onore/onere di aver proposto la creazione della Fondazione Italia Sociale, una fondazione che favorisce l’incontro tra fondi privati per finanziare attività degli Enti del Terzo Settore. Una decisione che non è stata presa di buon grado da tutti ma che nelle sue intenzioni è un acceleratore di finanziamenti. Istituendo un ente di controllo, infatti, gli enti del terzo settore sono a conoscenza delle opportunità in maniera molto più rapida ed efficace e raggiungere in questo modo risultati più soddisfacenti.

Risultati

Le novità introdotte e il favorire della crescita degli enti del terzo settore danno un bilancio positivo ad un anno dalla riforma. L’aspetto sicuramente più apprezzato da tutti gli enti è la regolamentazione della loro posizione che finalmente trova a livello legislativo una propria ragion d’essere e consente di pianificare progetti con molta più tranquillità. L’autofinanziamento è un altro punto a favore: dal crowdfunding alle donazioni di privati, gli enti del terzo settore possono finalmente contare su entrate regolari e più cospicue. Ricordiamo che in Italia le imprese sociali sono circa 100.000 e più di 50.000 hanno ricorso alla raccolta fondi.

I nodi da sciogliere restano tuttavia ancora molti: entro fine anno infatti si attendono 42 provvedimenti da emanare che faranno ancora più chiarezza sui punti oscuri. Uno fra tutti il compenso ai volontari, poiché si teme si possa approfittare della voce “rimborso spese”; non meno importante è la regolamentazione di alcune categorie non rientrate nel piano iniziale, come gli enti sportivi dilettantistici e le associazioni dei consumatori.

Il terzo settore richiede dunque ancora tanto impegno per raggiungere una stabilizzazione. Ciò che sinora si è fatto è un avanzamento dei lavori che ha concesso sicuramente più ampio respiro agli enti coinvolti e movimentato ancora di più il settore, entrato ormai di fatto tra i più importanti della nostra nazione. Su queste basi bisognerà proseguire per garantire efficacia ed efficienza a tutte le aziende che operano nei servizi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.