Un ricordo per la pace



Non trova pace l’esposizione
“Un ricordo per la pace”. Ad un anno dalla decisione del Liceo
A.Meucci” di farla rimuovere dall’auditorium che la ospitava dal 2008, richiesta motivata da
esigenze di spazi per “opere legate ad attività teatrali”, la mostra giace in stato di abbandono,
oscurata ed addirittura transennata. Nessuna reazione del Comune di Aprilia, che ha patrocinato
economicamente la mostra, cui è stata affidata gratuitamente la collezione Bonacini, oltre 300 pezzi
tra oggettistica e divise militari sul tema prioritario “Aprilia in guerra : la Battaglia di Aprilia”.
Nessuna risposta del Comune di Aprilia anche alla petizione per il trasferimento dell’esposizione
nel centro di Aprilia organizzata da Elisa Bonacini, erede della collezione militare e presidente
dell’Associazione “Un ricordo per la pace” . Nella petizione si richiedeva al Comune di mantenere
l’impegno a reperire locali per una sede definitiva nel centro storico (come da delibera di
accettazione dei materiali ). La richiesta presentata in tre blocchi al Comune di Aprilia a partire da
gennaio aveva trovato grande consenso popolare con la raccolta di centinaia di firme di cittadini
apriliani.
In un ennesimo tentativo di risolvere l’incresciosa situazione di stallo, lunedì 30 ottobre Elisa
Bonacini ha protocollato una nuova lettera indirizzata al Sindaco Antonio Terra con la richiesta
specifica di uno spazio presso la Biblioteca Comunale, precisamente tra Sala Manzù e Sala Ragazzi;
uno spazio di dimensioni sufficienti ad accogliere, se ben organizzato, l’intera esposizione in essere
al “Meucci” creando una buona attrattiva turistica per il centro di Aprilia.
La proposta si aggiunge a quella già nota di collocare la mostra in sede definitiva presso i locali
attualmente adibiti agli uffici comunali al pubblico di Piazza Roma, idea presa in considerazione da
alcune passate Amministrazioni tra cui quella del compianto Sindaco Domenico D’Alessio.
Non nasconde l’amarezza Elisa Bonacini : “È questo per me l’ennesimo tentativo nella speranza
che, dopo oltre 18 anni di attesa, si giunga ad una risoluzione definitiva. L’ultimo tentativo a favore
di Aprilia non escludendo, dopo tanta indifferenza per un progetto nato dal cuore, di affidare il
materiale ad altra Città che lo sappia apprezzare.
Trovi assurdo che una mostra prestigiosa su cui è stato investito denaro pubblico debba subire tanto
ostracismo nella sua valorizzazione. Perché un progetto nato dal basso a favore della collettività non
deve trovare piena realizzazione? Una pena vedere in quelle condizioni reperti di inestimabile
valore storico e simbolico: il sacrificio di milioni di giovani uomini provenienti da tutto il mondo
obbligati a lasciare le famiglie e combattere gli uni contro gli altri, morti a migliaia nel nostro
territorio nel 1944 dopo lo sbarco alleato ad Anzio e Nettuno. I cimiteri di guerra da Anzio a
Pomezia ricordano l’alto prezzo pagato da quella generazione. Non chiamate freddamente il
contenuto della mostra “reperti militari”. Ogni divisa ha in sé una storia umana. Nelle uniformi
esposte l’ “anima” di chi le ha indossate ed il cuore di chi le ha conservate con cura nel ricordo dei
propri cari. Non dimentichiamolo!” .

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 15757 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.