Startup di successo: il segreto della loro crescita si chiama Growth Hacking



Da alcuni anni a questa parte abbiamo assistito in pochissimi anni alla nascita ed al successo di aziende innovative e startup del calibro di Facebook, LinkedIn ed Instagram, ma anche Airbnb, Uber e Spotify.

Tuttavia, sussiste un interessante aspetto che accomuna tutte queste realtà, sebbene operino in settori ed ambiti diversi.
infatti, riflettendoci con attenzione, risulterà evidente come tutte queste aziende non si siano affidati ai canali ed approcci di marketing classici per raggiungere utenti e perseguire obiettivi di crescita.
Al contrario, le strategie utilizzate per poter divenire le aziende di assoluto successo che tutti conosciamo sono riconducibili ad un modo di concepire e fare marketing che da molti è considerato come il futuro in questo stesso ambito. Stiamo parlando del growth hacking.

Il growth hacking può essere definito in questo modo:

“Un approccio di marketing innovativo, che punta all’acquisizione ed alla fidelizzazione di utenti attraverso l’offerta di un prodotto in grado di soddisfarne perfettamente le esigenze e massimizzandone allo stesso tempo la user experience. Ogni strategia di growth hacking è inoltre implementata solo a seguito di un’attenta analisi dei dati.”

Questa è la descrizione che dà del fenomeno Fabio Morelli Growth Hacker e SEO Specialist presso Accenture.

Di conseguenza risulta evidente come nel growth hacking, a differenza del marketing classico, l’attenzione sia rivolta maggiormente alle persone a cui un prodotto o un servizio è destinato: questo infatti dovrebbe essere in grado di soddisfarne a pieno le esigenze in modo da creare un’esperienza unica.
Concepire il marketing in questo modo non solo farà sì che i clienti siano soddisfatti, ma soprattutto che questi si fidelizzino alla nostra azienda e che siano portati a parlarne positivamente con i propri amici e parenti.

Per capire questo meccanismo possiamo ad esempio prendere l’esempio di Airbnb. Il sito più famoso al mondo per l’affitto di un alloggio per le proprie vacanze pone una grandissima attenzione alla qualità degli annunci postati sul proprio sito e sulla propria app, allo scopo appunto di massimizzare l’esperienza dei propri utenti.

Inoltre, Airbnb ha attivato un’interessante programma di referral, che permette ai clienti Airbnb di condividere con i propri amici un codice di sconto del valore di 20€. A seguito della prima prenotazione avventura su Airbnb utilizzando tramite codice entrambi riceveranno uno sconto di 20€ sulle proprie prenotazioni.

Una simile strategia è stata utilizzata anche da PayPal, Uber e Dropbox.

Per approfondire il tema del Growth Hacking attualmente non sono moltissime le fonti e per lo più sono presenti libri e corsi in lingua inglese.
Ad ogni modo vi consigliamo di seguire il blog di Fabio Morelli ilfuturodelmarketing.it.

Sul sito sono presenti diversi articoli di approfondimento e viene inoltre dato accesso ad una piccola libreria di corsi online sul Growth Hacking.

Inoltre, Fabio Morelli sta attualmente lavorando alla pubblicazione di un libro in italiano sul Growth Hacking.
L’uscita è prevista per le prossime settimane, ma ve ne daremo notizia con un apposito post.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.