Salento alternativo: i borghi antichi del profondo Sud



 

Il Salento si struttura su quasi 150 km di coste e oltre 100 comuni, articolati sulle tre province di Lecce, Brindisi e Taranto. Una terra ricca di storia, suggestioni e attrattive che hanno permesso al tacco d’Italia di diventare una delle mete simbolo dell’estate. Oltre a quel turismo di massa tipico delle realtà balneari e del divertimento notturno, la provincia più a est del Belpaese concede anche seduzioni destinate a intercettare un turismo più propriamente di nicchia. Le case vacanze del Salento, i b&b e gli hotel accolgono così anche un segmento turistico alla ricerca di approcci nuovi e sperimentali all’idea di viaggio, concezioni più autentiche come quelle dei borghi antichi che si aprono nel profondo sud della provincia di Lecce.

Santa Maria di Leuca

Santa Maria di Leuca è l’ultimo baluardo del confine salentino, terra di confine per eccellenza, finibus terrae che fa da teatro all’incontro tra le correnti del Mare Adriatico con quelle dello Ionio. Lì il mare si spacca a metà, tagliato verticalmente da un argine di acqua che si perde fino all’orizzonte. E al di sopra di esso, si erge il faro antico del posto, uno dei più antichi e prestigiosi d’Europa, in piedi fin dal 1866.

Presicce

Il comune di Presicce sorge a una manciata di chilometri da Leuca. Il paese accoglie appena 5.000 abitanti o poco più ed è un gioiello del Basso Salento. Inserito nell’elenco ANCI dei borghi più belli d’Italia, il sito è un prezioso mosaico di storia antica e celebra al massimo grado quel retaggio contadino che è emblema del tacco. Intorno alle campagne locali si articola un complesso sistema di frantoi ipogei, molti dei quali ancora in funzione, che scolpiscono le memorie passate e meravigliosamente attuali della comunità presiccese e di tutta la provincia di Lecce.

Specchia

Tra Presicce e il comune di Specchia si frappongono appena 7 chilometri. Specchia non è più grande di Presicce e, come quest’ultima, può fregiarsi di essere parte dell’elenco ANCI. Il merito principale sta negli incanti di un borgo rustico dove il tempo sembra essersi congelato per preservare le narrazioni storiche di una località che è alternanza senza soluzioni di continuità di manifestazioni d’arte in pietra. Lì sono stati scolpiti i passaggi e le contaminazioni dei popoli e delle culture che attraversarono il Salento, ne fecero una proprietà e poi si fecero cacciare da un nuovo dominatore; e così per secoli, fino ad oggi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.