Roma, Atac: “Nessun patto segreto per le mense”

roma atac



Con riferimento a notizie di stampa, e diversamente da quanto da queste emerge, Atac precisa che la gestione dei rapporti con Sindacato e Dopolavoro, ha finalmente preso l’indirizzo della chiarezza, della trasparenza, della legittimità e della tutela degli interessi dei lavoratori.
Segnando una importante discontinuità con tutto il passato, anche recente, l’attuale vertice ha chiesto e attivato una procedura di gara che supererà definitivamente il precedente modello con cui sono state gestite le mense, individuando il fornitore con procedura pubblica.
Nel frattempo, e in via transitoria, l’erogazione dei pasti sarà remunerata al Dopolavoro secondo criteri mai adottati prima improntati alla “accountability” oltre che alla qualità; il contributo sarà ora calcolato in base al numero consuntivo dei pasti erogati e per un importo di 5,29 euro, sostanzialmente in linea con il valore dei buoni pasto riconosciuto ai dipendenti che non possono accedere per motivi logistici al servizio mensa; a questo si aggiunga, sempre in termini di nuove modalità, che oltre ai controlli sulle quantità, sarà comunque attuato uno specifico controllo di qualità dei cibi somministrati.
Per chiarezza, occorre ricordare che finora l’erogazione dei pasti era stata compensata a forfait e in ragione dell’1% del costo del personale, esattamente in linea con quanto previsto nei contestati accordi; in tal senso si precisa che fino a luglio 2016, sono stati versati al Dopolavoro in “acconto costi mensa” circa 2 milioni di euro, importo sostanzialmente coerente con quanto versato nei precedenti anni, senza quindi nessuna discontinuità.
Per quanto attiene invece le attività socio-ricreative e culturali, il tutto è stato previsto in ossequio ai criteri dell’art. 11 dello Statuto dei Lavoratori, legge 300/70.
Nello specifico la misura del contributo è variabile e attualmente fissato in circa 1,1 milioni di euro; tale importo è comunque dipendente dalle attività programmate, nonché soggetto ad una verifica annuale operata da una apposita commissione di cui farà parte un componente designato dall’Azienda, e la cui finalità è di valutare l’effettiva realizzazione delle attività previste dal Dopolavoro.
Tutto quanto sopra è documentato in appositi accordi e relazioni che, in totale trasparenza, i vertici Atac hanno già provveduto ad inviare oltre che al Socio Unico, anche all’ANAC, alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica.
Nel precisare che l’azienda diffida chiunque dal diffondere notizie che sono nei modi diffamatorie e nei termini fuorvianti del proprio corretto operato – riservandosi comunque di avviare iniziative di tutela nelle sedi opportune – evidenzia che le iniziative messe in atto negli ultimi due mesi prevedono che a regime i costi finora destinati alle attività del Dopolavoro – servizio mense e programmi ricreativi – vengano ridotti di un importo pari a circa 1,5 milioni di euro l’anno, oltre il 30% in termini relativi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.