Albero di Natale 2017, i municipi di Roma si vestono a festa

albero di natale piazza venezia



Come tutti gli anni nei vari Municipi di Roma non poteva mancare il simbolo del Natale per eccellenza: l’albero di Natale, con le luci e i suoi addobbi colorati. Facciamo una panoramica su quelli diventati protagonisti dei social.

Albero di Natale 2017, lo storico: Piazza Venezia

La storica Piazza Venezia ospita senza dubbio il più famoso albero di Natale della Capitale e come ogni anno è quello più chiacchierato e fotografato. E come ogni anno risulta il più criticato: di giorno con i suoi rami un po’ spogli, tanto da farlo definire “spelacchiato”, perde il look da abete natalizio, ma di notte la situazione migliora grazie alle decorazioni e alle luci led che lo ornano. Ci sono infatti oltre 3000 led e 600 palle ad abbellirlo. Senza dubbio il nome che i romani gli hanno dato Spelacchio è già un programma.

Municipio X

Un altro albero molto chiacchierato è quello realizzato ad Ostia, al parco Willy Ferrero. La neo presidente Giuliana Di Pillo ha invitato “le cittadine e i cittadini” a decorarlo. Ma nonostante la buona volontà anche su questo albero sono piovute critiche.

Eur, Municipio XI

Elegante e raffinato l’abete di 10 metri realizzato a l’Eur e decorato con oltre 10.000 lucine al led gialle e blu. Situato sulla scalinata della basilica dei Santi Pietro e Paolo rallegra i passanti con la classica stella come punta le la scritta “Eur” alla base.

Galleria Alberto Sordi

Albero ecologico per la Galleria Alberto Sordi. Un’installazione completamente fatta a mano con materiali riciclati,  ideata da Paola Mainetti e realizzato da Rbr Light Srl. Delizia il pubblico con i suoi dieci metri di alluminio dorato, i suoi 18.000 led a luce calda, a basso consumo, e le quasi 300 palle rosse. Ai lati due ali di luci bianche e azzurre.

San Pietro

Non poteva mancare il tradizionale albero di piazza San Pietro. L’abete quest’anno arriva dalla Polonia, precisamente dall’arcidiocesi di Elk. Le decorazioni dell’albero, alto 28 metri, sono state realizzate dai bambini in cura nei reparti oncologici di alcuni ospedali italiani. Le decorazioni sono state realizzaste grazie ad un programma di ceramico-terapia ricreativa promosso dalla Fondazione Contessa Lene Thun Onlus, insieme ai bambini delle zone terremotate del Centro Italia dell’arcidiocesi di Spoleto-Norcia.

Aeroporto Leonardo Da Vinci

L’Albero di Natale in Lego costruito dai passeggeri a sostegno dei bambini siriani è in via di realizzazione all’Aeroporto Internazionale Leonardo Da Vinci a Fiumicino, senza dubbio il più solidale. Infatti sarà decorato dai passeggeri in transito che hanno a disposizione oltre 20.000 mattoncini lego. Il contributo richiesto per installare ogni singolo mattoncino verrà donato all’Unicef per aiutare i tanti bambini che vivono in condizioni di povertà.

 

1 Trackback / Pingback

  1. Spelacchio è morto: addio all'albero di Natale più criticato

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.