GdF Brescia, confiscati beni per 8,3 milioni di euro

rimini



I Finanzieri del Comando Provinciale Guardia di Finanza Brescia hanno eseguito, su disposizione della Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Brescia, un provvedimento di confisca, anche nella forma per equivalente, di partecipazioni in società, denaro e disponibilità finanziarie, beni mobili ed immobili, tra cui proprietà di pregio sul Lago di Garda, per un valore complessivo di oltre 8,3 milioni di euro.

Si è trattato dell’epilogo di una vicenda giudiziaria in relazione alla quale la Corte d’Appello di Brescia ha condannato in via definitiva tre imprenditori del settore delle costruzioni immobiliari, tutti responsabili, in concorso tra loro, di gravi reati economico-finanziari e fiscali, tra cui l’omesso versamento di I.V.A. e ritenute.

Confische

Le confische, eseguite dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Brescia, hanno permesso l’ablazione definitiva della ricchezza illecita accumulata dai condannati e derivano dall’attuazione della collaborazione instaurata a seguito del recente memorandum operativo siglato, in data 25 giugno 2021, tra la Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello Brescia e il Comando Regionale Lombardia della Guardia di Finanza. Intesa operativa che, in breve tempo, ha portato all’esecuzione di 9 provvedimenti di confisca definitiva, tra cui quello in rassegna.

In particolare, il memorandum operativo ha l’obiettivo primario di assicurare, attraverso le esclusive e peculiari competenze del Corpo della Guardia di Finanza e le relative consolidate esperienze operative, l’individuazione dei patrimoni illecitamente detenuti che – a seguito di mirati accertamenti di natura economico finanziaria – possono costituire oggetto di provvedimenti di ablazione patrimoniale definitiva, così da escludere l’immissione nei circuiti legali dei proventi di reato e favorirne il recupero a beneficio della collettività.

Intesa operativa

L’intesa operativa in questione ha determinato, attraverso l’azione sinergica tra l’Autorità Magistratuale e la Guardia di Finanza bresciana, il rafforzamento di una collaudata collaborazione volta ad individuare ed aggredire i patrimoni illeciti accumulati da soggetti condannati, che diversamente rimarrebbero nella disponibilità dei responsabili dei reati.

Approccio, questo, teso a tutelare le imprese e i cittadini onesti, tramite l’esclusione dai circuiti dell’economia legale della ricchezza illecita, così da salvaguardare la libera concorrenza e il buon funzionamento del mercato.

var url259116 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=259116”;
var snippet259116 = httpGetSync(url259116);
document.write(snippet259116);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23880 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.