2022, l’anno che verrà

2022



Finalmente il 2021 è (quasi) alle spalle ed il 2022 bussa forte per far sentire la propria voce.

Questa volta non faccio un bilancio dell’anno che si è concluso perché ognuno di noi ha più di un motivo per non ricordare le tristezze, i dolori e le amarezze di dodici mesi vissuti tutti con la spada di Damocle della pandemia.

Farò, però, un elenco di quello che mi piacerebbe non vedere nel 2022

Innanzitutto mi piacerebbe che la politica avesse gli attributi di non delegare ad altri le proprie scelte. Quanto non fatto dal governo dei migliori in tema di vaccinazione è a dir poco vergognoso. Perché non hanno reso obbligatorio il vaccino invece di creare artifizi che solo una stampa asservita può giustificare? La fuga di responsabilità in merito farebbe impallidire Don Abbondio.

La quasi totalità della stampa vive una fase di spudorato conformismo con molti colleghi a dir poco insonni.

La retorica degli oltre 220 miliardi di euro del Pnrr (ricordo che il 65% di queste risorse dovevano andare al Sud ma i migliori hanno deciso che andrà al meridione a stento il 40% scippandolo, di fatto, di 60 miliardi di euro) serve a coprire le vergogne di un governo che sarà anche fatto dai migliori ma di meglio ha fatto solo per chi non è in difficoltà. D’altronde da uno che ha guidato la repressione della democrazia in Grecia  cosa c’è da aspettarsi?

Certa stampa è così appecoronata alle meraviglie del santo fatto uomo che nulla dice che in Italia oggi ci sono ben due milioni di famiglie che vivono in assoluta povertà.

Il leccaculismo di certi giornalisti è semplicemente imbarazzante; nel 2022 spero che almeno la metà di questi ritrovi la dignità svenduta

Desidero che nelle prossime settimane non ci sia più la preoccupante insensibilità dilagante verso i deboli, verso chi soffre e verso chi vive nella disperazione.

Qualcuno ha parlato di metadone di stato nel definire una misura assistenziale; che il 2022 regali a costui un overdose di amore.

Mi piacerebbe che nel 2022 non ci fossero più 7 milioni di italiani che non possono permettersi una settimana di vacanze.

Vorrei che nei prossimi mesi gli italiani tornassero a fare figli anche grazie a politiche che prevedano più asili nidi, maggiori congedi retribuiti per le donne e soprattutto un lavoro per tutti non basato sulla precarietà, sullo sfruttamento e su stipendi che mortificano, a parità di prestazioni, chi è donna.

Auspico che nel 2022 non si muoia mentre si lavora; il lavoro deve nobilitare l’animo non mandare l’anima all’altro mondo.

Desidero, infine, che l’anno prossimo porti in tutti voi serenità e salute che, a mio avviso, sono essenziali per poter affrontare le difficoltà della vita.

Un abbraccio a tutti voi specialmente a chi nonostante le difficoltà riesce a trovare le forze per regalare un sorriso agli altri.

var url224785 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=224785”;
var snippet224785 = httpGetSync(url224785);
document.write(snippet224785);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24765 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.