Cop26, a Glasgow il mondo discute di clima

cop26



Il presidente del Consiglio Mario Draghi è arrivato allo Scottish Event Campus (Sec) dove si tiene la Cop26, la conferenza sul clima organizzata dall’Onu. Ad accoglierlo il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, e il segretario generale delle Nazioni unite, Antonio Guterres. Alle ore 13 si è tenuta la cerimonia di apertura nella Sala Plenary Cairn Gorm. Il summit in Scozia si è aperto ufficialmente ieri, con i leader mondiali ancora impegnati a Roma per il G20. Ma è oggi, con l’arrivo delle delegazioni dei vari Paesi – quasi 200 le nazioni partecipanti – , che si entra nel vivo. Italia e Regno Unito hanno il ruolo di co-presiedere la conferenza in corso a Glasgow fino al 12 novembre.

DRAGHI: “DOBBIAMO FARE MOLTO DI PIÙ RISPETTO AL G20”

“Alla Cop26 dobbiamo andare oltre, molto più di quanto abbiamo fatto al G20. Dobbiamo accelerare il nostro impegno per contenere l’aumento della temperatura al di sotto di 1,5 gradi. Dobbiamo basarci sull’accordo del G20 e agire in modo più rapido e deciso”. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, lo dice nel suo intervento all’apertura della conferenza Onu sul clima di Glasgow.

“Grazie a un costante dialogo e alla cooperazione, abbiamo compiuto buoni progressi nell’affrontare il cambiamento climatico – ricorda il premier – I Paesi del G20 rappresentano circa il 75% delle emissioni globali di gas serra e circa l’80% del Pil mondiale”. Al vertice dello scorso fine settimana a Roma, “gli Stati membri del G20 hanno concordato che dobbiamo limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi e si sono impegnati a raggiungere emissioni nette pari a zero entro la metà del secolo – segnala il presidente del Consiglio – Abbiamo deciso di intensificare le nostre azioni a partire da questo decennio, migliorare i nostri contributi nazionali determinati e interrompere il finanziamento pubblico internazionale del carbone entro la fine del 2021″.

“L’AUMENTO DELLE TEMPERATURE METTE A RISCHIO PACE E SICUREZZA”

Draghi prosegue: “Il previsto aumento delle temperature globali è destinato a influenzare la vita sul nostro pianeta in modo drammatico. Da incendi e inondazioni catastrofici, allo scolorimento delle barriere coralline e alla perdita di biodiversità, l’impatto del cambiamento climatico è già fin troppo evidente. Anche il costo di tutto ciò aumenta rapidamente, soprattutto per le nazioni più povere. Il costo dei disagi per le famiglie e le aziende nei Paesi a basso e medio reddito ammonta a ben 390 miliardi di dollari l’anno”.

Secondo il premier italiano, “il cambiamento climatico ha anche gravi ripercussioni sulla pace e la sicurezza globali. Può esaurire le risorse naturali e aggravare le tensioni sociali. Può portare a nuovi flussi migratori e contribuire al terrorismo e alla criminalità organizzata. Il cambiamento climatico può dividerci”

“L’ITALIA TRIPLICA IL SUO CONTRIBUTO AI PAESI VULNERABILI”

“Dobbiamo rafforzare i nostri sforzi nel campo dei finanziamenti per il clima – continua Draghi – L’Italia ha triplicato il suo contributo, arrivando a 7 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni, per aiutare i Paesi vulnerabili. Dobbiamo far lavorare insieme il settore pubblico e quello privato, in modi nuovi. Domani Roberto Cingolani, ministro per la Transizione ecologica, annuncerà un’iniziativa ambiziosa da parte dell’Italia”.

“YOUTH 4 CLIMATE DIVENTI PERMANENTE”

Il presidente del Consiglio lancia una nuova proposta: “La Cop26 deve essere l’inizio di una campagna permanente contro il cambiamento climatico. E i nostri giovani devono essere al centro di questo processo. Intendiamo trasformare l’evento ‘Youth 4 Climate‘ che abbiamo tenuto a Milano in un appuntamento fisso di tutte le Cop. Le generazioni future ci giudicheranno per ciò che otteniamo o che non riusciamo a raggiungere. Dobbiamo coinvolgerli, ascoltarli e, soprattutto, imparare da loro”.

“RAFFORZARE LO SFORZO NELLA FINANZA CLIMATICA E COINVOLGERE PRIVATI”

“Dobbiamo costruire sull’accordo del G20 e agire più velocemente e in modo più deciso e dobbiamo rafforzare lo sforzo nella finanza climatica, e mettere insieme il settore privato e quello pubblico in nuovi modi”, aggiunge Draghi. “Abbiamo la roadmap indicata dal principe Carlo, e il primo ministro Johnson ha sottolineato i soldi privati disponibili, e sono decine di trilioni, ma ora dobbiamo utilizzarli e trovare il modo di spenderli in modo intelligente e veloce“.

Dunque, per il premier italiano “prima di tutto abbiamo bisogno che tutte le banche di sviluppo multilaterale, e soprattutto la Banca mondiale, condividano con il settore privato i rischi che da solo non può affrontare. Abbiamo bisogno di piattaforme a livello paese dove la Banca mondiale e le altre banche di sviluppo multilaterale possano effettivamente condividere i rischi e rendere questi soldi disponibili per uno sforzo positivo“. Ciò detto, “questa è la gran buona notizia che Johnson ci ha dato oggi – conclude Draghi -, i soldi non sono un problema se vogliamo usarli bene”.

Fonte: agenzia dire

var url208175 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=208175”;
var snippet208175 = httpGetSync(url208175);
document.write(snippet208175);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24114 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.