Frosinone: bilancio consolidato, 19 a favore e due contrari

tariffe



A tale riguardo, l’esecutivo ha riconosciuto due distinti elenchi. Nel primo, appaiono gli enti, le aziende e le società che compongono il Gruppo Amministrazione Pubblica, evidenziando gli enti, le aziende e le società che, a loro volta, sono a capo di un gruppo di amministrazioni pubbliche o di imprese; nel secondo, gli enti, le aziende e le società componenti del gruppo compresi nel bilancio consolidato (perimetro di consolidamento). Nel secondo gruppo, sono rientrate le società che presentano valori rilevanti di totale dell’attivo, patrimonio netto e totale dei ricavi caratteristici, rispetto ai medesimi valori del bilancio dell’ente.

Le società individuate sono la Società SAF Spa e il Consorzio di Sviluppo Industriale Frosinone.
Il bilancio consolidato è tenuto a riflettere la situazione patrimoniale – finanziaria e le sue variazioni, incluso il risultato economico conseguito, di un’unica entità economica composta da una pluralità di soggetti giuridici. Pertanto devono essere eliminati in sede di consolidamento le operazioni ed i saldi reciproci, perché costituiscono il trasferimento di risorse all’interno del gruppo.
Nel bilancio consolidato del Comune, i valori delle società partecipate sono confluiti mediante applicazione del metodo di consolidamento proporzionale.
Non vi sono scritture di elisione di debiti e crediti reciproci, mentre non sono riconciliate le partite debitorie e creditorie al 31/12/2020 verso la SAF SpA.

Passaggio amministrativo

“L’approvazione di questo ulteriore passaggio amministrativo,riguardante il bilancio consolidato – ha dichiarato l’assessore Riccardo Mastrangeli – prosegue nella direzione tracciata dall’amministrazione Ottaviani che, dal 2013, ha messo a punto una efficace azione di risanamento dei conti, continuando, al tempo stesso in una politica oculata degli investimenti, razionalizzando le risorse presenti”. Come noto, infatti, il Comune di Frosinone ha adottato, dal 2013, un oneroso programma di rientro dal debito allo scopo di recuperare il consistente disequilibrio dei conti dell’anno 2012 (circa 5,5 Milioni di Euro di disavanzo e 7 Milioni di euro di debiti fuori bilancio ripartiti nell’arco temporale di 10 anni). “Siamo comunque riusciti a evitare ogni aumento tariffario per i servizi erogati alla cittadinanza, garantendo, dall’altra parte, il rispetto degli equilibri di bilancio, continuando a investire sulle opere pubbliche, sulla cultura, sull’urbanistica e nei servizi sociali. L’amministrazione Ottaviani – ha concluso Mastrangeli – continuerà ad essere al fianco dei cittadini, delle famiglie, dei contribuenti. Nonostante l’oneroso piano di rientro dal debito, il Comune ha sempre tenuto conto della necessità di mantenere alto il livello qualitativo dei servizi erogati. Il nostro obiettivo è stato e continuerà a essere quello di mettere in atto tutti gli accorgimenti normativi che possano venire incontro alle esigenze dei cittadini di Frosinone,specie in un periodo, come quello che stiamo vivendo, che presenta tante criticità dal punto di vista economico e sociale”.
[smiling_video id=”201522″]

var url201522 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=201522”;
var snippet201522 = httpGetSync(url201522);
document.write(snippet201522);

[/smiling_video]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Frosinone: bilancio consolidato, 19 a favore e due contrari

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28219 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.