L’IncoeRenzia dei giochi potere

potere



Sono trascorsi pochi istanti da quando al Senato il governo ha incassato la fiducia, anche se non con la maggioranza assoluta, che sugli spalti di Palazzo Madama le senatrici e i senatori del M5S hanno iniziato a gioire.

Nei corridoi dell’edificio appartenuto alla famiglia Medici, il presidente Giuseppe Conte parla di maggioranza da allargare mentre uno sciacallo annebbiato e razzista è fresco di un nobile discorso intriso di rutti livorosi e di senatori coraggiosi che non muoiono mai.

Il diversamente inglese

Subito dopo a “Porta a Porta” un diversamente inglese ha iniziato a elogiarsi ( che strano…) e dopo aver detto peste e corna di Conte, della sua squadra e delle sue politiche, ha scommesso 80 euro che non durerà a lungo; poche ore prima, però, alla possibilità di mandarlo a casa ha scelto l’ignavia. Una coeRenzIa, a detta di qualcuno, frutto della paura che fa 90, proprio come i voti che a fatica prenderebbe il suo partito in caso di elezioni anticipate.

Stamane, poi, direttamente dal mercato del pesce, quello vicino alla pista dove atterra l’aereo Scilipoti, la brutta copia di Marine Le Pen ha urlato che “continua a vergognarsi per lui”; per lei, però, “nun se vergogna nessuno”?

Tutti hanno cantato e cantano vittoria ma, come accade spesso in questi casi, a perdere sono solo gli italiani.

Hanno perso gli italiani che attendono misure rapide e concrete per non essere ancora più vittime dell’emergenza Coronavirus.

Milioni di italiani hanno perso il lavoro, i clienti, le attività, gli affetti, la speranza, l’istruzione, i risparmi, la serenità, la salute, le abitazioni e lor signori cosa fanno?

Giocano a chi ce l’ha più lungo nella rincorsa al potere.

Per quale fine, poi?

Quello di spartirsi i “piccioli” che arriveranno (se non ora, quando?) dall’Europa. Quell’Europa (non dei popoli ma quella serva del dio denaro) che non vede l’ora di accaparrarsi ciò che resta delle nostre eccellenze con la scusa che abbiamo una classe politica incapace, in grado solo di far mangiare a sbafo (leggi a spese nostre) gli amici degli amici.

Pochi giorni fa scrissi che il gattopardismo italico aprirà le porte ai Draghi.

Draghi chi, l’uomo per tutte le stagioni e punta del capitalismo finanziario che tanto bene ha fatto alle banche?

Una domanda al tanto osannato dalla stampa amica dell’establishment Draghi: chi ha diretto l’acquisizione da parte della repubblica italiana di titoli speculativi che hanno, nella stragrande maggioranza dei casi arricchito le banche private e impoverito le casse dello stato nel periodo che va dal 1991 al 2001 quando lui era il direttore generale del Tesoro?

Dalla pentola alla brace.

Mala tempora currunt sed peiora parantur.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22322 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.