Vaccini Covid19: l’esposto del Codacons alla Consob per insider trading e aggiottaggio

vaccini covid19



Dopo Pfizer, anche il caso della società farmaceutica Moderna finisce al vaglio della Consob. Al centro della questione, la vendita di azioni dell’azienda da parte dei vertici di Moderna, avvenuta in concomitanza con l’annuncio sul vaccino anti-Covid.

CONTE VIETI ANNUNCI DEI PRIVATI SU VACCINI E ALTRE SPERANZE BASATE SULLA PAURA

Le dichiarazioni sul vaccino Moderna sono infatti state diffuse lo scorso 16 novembre, come riportato da diversi organi di informazione – spiega il Codacons – Nella stessa data l’amministratore delegato di Moderna, Stephane Bancel, avrebbe venduto 21.046 azioni della società quotata in Borsa con un incasso di circa 1,8 milioni di dollari. Lo stesso avrebbe fatto il presidente di Moderna, Stephen Hoge, cedendo circa 20 mila azioni con un incasso di poco superiore a 1,7 milioni di dollari.
Una tempistica nella vendite di titoli a dir poco sospetta, considerato che i vertici della multinazionale erano a conoscenza degli annunci sul vaccino e della data di divulgazione delle informazioni, e potrebbero aver beneficiato di tale vantaggio.
Per tale motivo, dopo il caso Pfizer, anche su Moderna incombe un esposto del Codacons alla Consob, che dovrà accertare eventuali manovre speculative e indagare per le possibili fattispecie di insider trading e aggiotaggio, indagine che ci auguriamo possa escludere qualsiasi responsabilità in capo ai vertici della società.
L’associazione chiede inoltre al Premier Giuseppe Conte di vietare annunci delle società private in tema di vaccini, che determinano alterazioni del mercato azionario basate unicamente su speranze e paura.

 

Codacons CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.