Raggi: “Bruciare un cassonetto è un gesto criminale”

cassonetto



Così la prima cittadina di Roma sulla sua pagina Facebook:

Bruciare un cassonetto è un gesto criminale che crea un danno grave e diretto alla nostra comunità: per la salute e le tasche dei cittadini, per l’ambiente, per lo stesso servizio di raccolta.

E non possiamo accettarlo

Le squadre specializzate di Ama sono intervenute per sostituire 10 cassonetti dati alle fiamme, nell’ultimo periodo, nel Municipio X. Ringrazio tutto il personale che ha contribuito a rendere di nuovo utilizzabili queste postazioni da parte dei cittadini.
Come sapete, purtroppo non si tratta di casi isolati. Dall’inizio dell’anno sono stati circa 180 i contenitori stradali bruciati e sostituiti da Ama.
Durante il lockdown questi numeri si erano quasi azzerati. Ma solo da giugno a oggi Ama ha dovuto sostituire 76 cassonetti dati alle fiamme.
Nel 2019 sono stati 460, nel 2018 circa 500. Parliamo, quindi, di ben più di 1000 cassonetti dati alle fiamme in tre anni.
Noi continuiamo a sostituirli e non ci lasciamo intimorire. Continuiamo a denunciare e a lavorare per i cittadini, #ATestaAlta.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21890 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.