Lezzi: “Il Movimento avrebbe bisogno di una guida riconosciuta dagli iscritti”

movimento



La senatrice Barbara Lezzi riporta sulla sua pagina Facebook l’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

Ecco il testo:

Barbara Lezzi, si parla di una alleanza stabile dei Cinque Stelle con il Pd per le Amministrative 2021. È la strada da seguire?
«Prima di parlare di alleanze stabili, il Movimento deve parlare con sé stesso per stabilire quali sono i suoi prossimi obiettivi. Solo dopo vengono i modi per conquistarli».

Renzi si è detto contrario a una alleanza stabile con il Movimento

«Si cerca e si rifiuta da solo».
In Puglia l’intesa tra le forze della maggioranza non c’è stata. Non teme che questo possa compromettere la tenuta del governo?
«Il governo deve temere le difficoltà degli italiani, deve guidare il paese attraverso una crisi profonda che esige risposte efficaci. Deve concentrarsi solo su questo e, se lo farà, non avrà nulla da temere».
Ha parlato con Conte della sua idea? E con Grillo?
«Ho parlato con i colleghi e attivisti pugliesi e con nessun altro. La mia posizione non sarebbe cambiata neppure di fronte a Crimi o Conte. Il voto al Movimento è l’unico utile per i pugliesi».

Perché è così decisa a stare accanto alla candidata Antonella Laricchia?

«È l’unica alternativa al mal governo dei due antagonisti che hanno già reso la Puglia più debole e meno meritocratica. Lavora al programma per i pugliesi da oltre un anno e ha dimostrato di avere a cuore solo il bene della Puglia».
Lei è stata molto critica verso alcuni interventi recenti: si rivede ancora nell’azione del Movimento?
«Lo ribadisco, il M5S avrebbe avuto bisogno di confrontarsi, i vertici hanno scelto il rinvio a data da destinarsi così facendo l’azione è diventata meno determinante nel governo».

Cosa pensa del referendum? È per il sì al taglio dei parlamentari?

«Sì, senza esitazioni».
Chi è per il no andrebbe sanzionato?
«Già quando si trattava di espulsioni per questioni di rendicontazione o di voti in dissenso, dissi che per sanzionare gli eletti è necessaria una guida eletta e non un reggente. La penso ancora così ma i colleghi dovrebbero anche riflettere sulla loro coerenza e sul rispetto del programma che hanno portato avanti per essere eletti».
Alcuni di voi nel Movimento vorrebbero derogare il tetto dei due mandati per deputati e senatori.
«Quello che pensiamo noi non è così importante. Tutti gli eletti devono rimettersi alla decisione degli iscritti e magari finirla di far gli stati generali sui giornali».

Ci sono state forti critiche a Davide Casaleggio e pochi big pentastellati tra cui il reggente Vito Crimi lo hanno difeso

«Le prime persone che ho conosciuto nel Movimento sono state Gianroberto e Davide che nel 2012 ci offrirono supporto incondizionato per le Amministrative. Lealtà e riconoscenza per me sono ancora dei valori».

Si parla di scissione per il Movimento. Come vede lei la situazione nel gruppo?

«Il Movimento avrebbe bisogno di una guida riconosciuta dagli iscritti tale da avere autorevolezza. Questo non c’è e crea diverse fazioni. Basterebbe confrontarsi e sintetizzare le istanze».

È Alessandro Di Battista il leader del futuro?

«Ne sarebbe senz’altro all’altezza».

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19582 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.