Il 25 aprile come punto di ripartenza che guarda al futuro e non solo al passato



Ha ancora senso festeggiare il 25 aprile ma soprattutto il verbo resistere va coniugato anche in questi giorni?

Credo che non solo il 25 aprile sia una data da ricordare ma mai quanto oggi la parola resistenza e il verbo resistere siano densi di valori fondamentali per guidare gli italiani nel loro percorso quotidiano e far continuare ad essere uno stato civile e democratico l’Italia.

C’è un però: i nemici sono cambiati. Da un lato c’è una massa antidemocratica che dal dopo guerra in poi non è mai scomparsa nello stivale. Una schiera di pecoroni, qualunquisti e ciucci che sfogano le proprie frustrazioni contro ogni diversità. Dapprima i nemici erano i meridionali, poi i negher, oggi entrambi.

Alcuni di loro giocano a scimmiottare gli squadristi e con la loro arroganza e violenza amano impartire lezioni di morale (concetto per loro che si ferma alle sei lettere della parola) e superiorità (non ci vuole tanto per essere superiore ad una scimmia…) sui social.

Li riconosci subito perché dall’alto del loro immaginario piedistallo, mentre magari consegnano pacchi alimentari ai bisognosi rigorosamente italiani e di colore bianco oppure fanno le ronde contro i vu cumprà (fosse una volta che li avessi visti a fare ronde contro i boss…anzi il più delle volte i boss foraggiano i loro partiti a suon di voti di scambio e mazzette), se provi a ragionare con loro e si accorgono che non la pensi come loro ti etichettano come zecca sinistroide anche se sei un liberale.

Avete ragione, a ragionar con i ciucci è tempo perso perché ti trascinano al loro livello e ti battono con l’esperienza.

Perduto, però, non è il tempo che si spende nell’isolare questi arrogantelli da chi, disperato perché senza lavoro o perché vede calpestare ogni giorno i suoi diritti, si fa ammaliare dai loro slogan.

Come combatterli allora e soprattutto che c’entra il 25 aprile?

Arrivo al dunque e soprattutto al vero nemico dei tempi che viviamo: la finanza speculativa.

I ciucci che ho illustrato, prosperano perché l’Italia così come altre tante nazioni è sotto attacco quotidiano di quelli che definisco il male moderno.

E’ un nemico subdolo che non si fa vedere ed è in grado di decidere chi ci deve governare. Esagero? Guardate alla esperienza italiana di fine 2011 o a quanto accaduto in Argentina e in Grecia.

Speculatori che con la scusa di esportare e difendere la democrazia in realtà impongo la loro dittatura che si nutre dei diritti dei popoli che sottomettono.

Quanto è costato ai greci il rimanere democratici?

Ci raccontano favole dove i cattivi siamo noi e ci fanno credere che viviamo al di sopra delle nostre possibilità perché spendaccioni.

Dal 1991 ad oggi le spese senza interessi, ad eccezione del 2009, anno post crisi bancaria (toh, le banche…), sono sempre state inferiori alle entrate.

In sostanza in Italia dal 1991 lo stato spende per i suoi cittadini meno di quanto questi versano nelle sue casse.

Come si spiega, allora, il debito pubblico che aumenta giorno dopo giorno? Soprattutto dove finiscono i nostri soldi?

Indovinate un po’…

La differenza tra spesa senza interessi e spesa, sono gli interessi che gli italiani pagano a chi detiene il nostro debito pubblico; è il peso degli interessi ad uccidere il nostro futuro.

Il 25 aprile come punto di ripartenza che guarda al futuro e non solo al passato

Chi detiene il nostre debito?

Il 78% dei titoli di stato italiani (Btp) è in mano straniera, di cui:

il 21% in mano francese;

il 14% in mano tedesca;

il 14% in mano lussemburghese;

l’8% in mano irlandese.

E’ a loro e ai loro amici speculatori che dobbiamo le nostre disgrazie.

Qualcuno vi dirà che il debito è stato contratto per far fronte alle nostre esigenze e che i debiti si onorano.

Certo che i debiti vanno onorati ma non verso chi specula sui nostri titoli attraverso lo scaricare i costi delle loro inefficienze e crisi sui conti pubblici.

Uno strozzino va pagato?

Assolutamente no.

Gli speculatori finanziari hanno fatto e fanno pagare i loro azzardi e la loro sete avida di denaro e potere ai popoli.

Costa molto di meno salvare le banche piuttosto le pensioni, la sanità e l’istruzione dei cittadini.

Siamo stati noi con il nostro denaro a “parare il culo” agli speculatori finanziari nel 2008 quando hanno distrutto i risparmi di milioni di cittadini del mondo.

Le storielle delle banche di famiglia fallite di recente non hanno insegnato nulla?

Gli speculatori sbagliano ma visto che una banca per lor signori non può fallire ecco che d’incanto nel biennio 2016-18 saltano fuori 22 miliardi di euro NOSTRI per salvare le loro banche; le salviamo con i nostri soldi ma non ne diventiamo proprietari.

Guai però a spendere i soldi NOSTRI per quota 100 o il reddito di cittadinanza (a proposito avete capito l’utilità di questa misura specie ora che quelli che prima la criticavano adesso la reclamano? Il famoso sazio che non crede al digiuno fino a quando non ha fame anche lui…).

Gli italiani ad oggi piangono quasi 26 mila connazionali morti per Coronavirus.

Quanti di questi si sarebbero salvati se negli ultimi anni non avessero tagliato ben 37 miliardi di euro alla sanità?

La classe medica oggi è diventata meritatamente una classe di eroi: se non avessero tagliato negli ultimi 10 anni 46 mila dipendenti, molti di loro non sarebbero morti o non sarebbero stati costretti a turni disumani.

I posti letto nel 1998 erano 311 mila, nel 2017 191 mila.

Ma ce l’ha chiesto l’Europa!

Ma se l’Europa siamo noi, perché raccontarci le bugie?

Dicessero, piuttosto, che dei politicanti senza attributi e presi per le palle (sigh!) non hanno fatto altro che i burattini degli speculatori finanziari perché ricattabili o loro complici.

Ecco perché oggi più di ieri bisogna resistere, resistere, resistere!

La più potente delle armi odierna non è la bomba atomica bensì la finanza speculativa.

Finanza che ci vuole sempre più poveri e ignoranti poiché un popolo debole è facilmente soggiogabile.

Ecco perché con la scusa del pareggio di bilancio o dei conti da sanare ci tagliano la sanità, la previdenza e l’istruzione oppure rendono possibili forme di schiavitù scambiate per lavoro che farebbero impallidire Kunta Kinte.

Cercano di convincerci che un altro mondo non è possibile; falso!

Ed è qui che entrano in scena anche i ciucci che con le loro irrealizzabili promesse, adescano le vittime degli speculatori.

Mattarella ha affermato che il 25 Aprile è la data fondatrice della nostra esperienza democratica e a parer di chi vi scrive occorre riappropriarsi dell’etica della Resistenza.

Un’etica che vede l’economia al servizio dell’uomo e crede in un’Europa fatta di popoli e non di mercati finanziari.

Il 25 aprile come punto di ripartenza che guarda al futuro e non solo al passato.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22301 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.