Municipio XIII, Ugolini, Italia Viva: “Chiudere la metro Cornelia è chiudere un quartiere”

Municipio XIII



“La chiusura annunciata per lunedì 30 dicembre della stazione della Metro A Cornelia significa dare un colpo di grazia a un intero quartiere”. Lo afferma Arianna Ugolini, capogruppo di Italia Viva del Municipio XIII – Aurelio.

A partire da lunedì 30 dicembre la stazione Cornelia resterà chiusa

A partire da lunedì 30 dicembre, nell’ambito del piano di interventi sulla rete metro di Atac e Roma Capitale, la stazione Cornelia della linea A della metropolitana resterà chiusa per la revisione ventennale di scale mobili e ascensori. La notizia è stata resa nota nei giorni scorsi in maniera improvvisa, dopo che il quartiere ha già subito lo scorso 18 ottobre la chiusura della fermata di Baldo degli Ubaldi.

“E’una politica che non regge e fa acqua da tutte le parti”, prosegue Arianna Ugolini, “Nessuno dal Municipio ha alzato la voce per chiedere almeno l’immediata riapertura di Baldo degli Ubaldi. La verità è che questa maggioranza è prona ai voleri del Comune e pur di non dissentire è disposta a cedere. Così non si tutelano gli interessi dei cittadini del nostro Municipio. D’altronde lo vediamo anche con la questione del compostaggio in arrivo a Casal Selce. Mai una presa di posizione contraria, sempre consenzienti anche quando le scelte del Comune vanno contro gli interessi dei cittadini del nostro Municipio”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13353 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.