Roma, la Polizia di Stato sequestra 500 botti non autorizzati



Servizi di contrasto alla detenzione illegale di artifici pirotecnici. La Polizia di Stato sequestra 500 botti non autorizzati. Attenzionati siti on line per compravendite illegali. Denunciata una persona per detenzione e vendita abusiva di materie esplodenti.

Brillante operazione

E’ proprio nella giornata del 4 novembre, dedicata a Santa Barbara, protettrice dei lavoratori impegnati in mestieri nei quali si ha a che fare con esplosivi, fuoco e materiali pericolosi e che secondo la tradizione protegge dalle morti violente e dai fulmini, che il personale della Divisione PAS della Questura di Roma ha concluso una brillante operazione che ha portato al sequestro di oltre 500 fuochi d’artificio illeciti. Tali non solo perché detenuti da chi non poteva venderli ma anche per la loro pericolosità, visto che si tratta di “botti” artigianali e potenzialmente micidiali.

Servizi intensificati

I servizi di contrasto alle illegalità nel settore delle sostanze esplodenti sono svolti tutto l’anno, ma sono intensificati all’approssimarsi delle festività natalizie e di fine d’anno ed è proprio in tale contesto che gli agenti della Squadra Investigativa della PAS hanno portato alla luce una fiorente attività di commercio di artifizi pirotecnici pericolosi detenuti illecitamente da un venditore che non era in possesso di alcuna autorizzazione, sia per lo stoccaggio che per la vendita di materiale esplodente.

Monitoraggio

Gli agenti nelle scorse settimane avevano svolto un monitoraggio di alcuni siti internet e social network, dove venivano offerti in vendita prodotti pirotecnici, focalizzando l’attenzione su un soggetto residente nel quartiere romano di Prenestino che pubblicizzava i propri prodotti mediante foto, con le quali mostrava batterie di fuochi, petardi di grosse dimensioni e cipolle confezionate in modo artigianale, messi in vendita a prezzi vantaggiosi rispetto a quelli del mercato legale, il tutto acquistabile senza alcuna formalità.

2 persone sospette

Dopo aver individuato il sito dove si realizzavano le illecite compravendite,  gli operatori,  dopo essersi appostati, hanno notato la presenza di due persone intente nello scambio di un cartone con all’interno numerosissimi fuochi del genere proibito, rinvenendone poi altri presso l’autovettura di sua proprietà ed un altro ingente quantitativo presso il garage della sua  abitazione, immediatamente sottoposto a perquisizione.

Il materiale sequestrato è stato sottoposto a sequestro penale e, con l’aiuto del personale degli artificieri della Questura, previa campionatura ed autorizzazione dell’A.G., è stato avviato alla distruzione proprio per l’elevata pericolosità degli artifici artigianalmente confezionati e della loro instabilità, mentre il soggetto che li deteneva è stato deferito alla

Procura presso il Tribunale di Roma a cui dovrà rispondere dei reati di  detenzione e vendita abusiva di materie esplodenti.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21400 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.