Il GRE contro la decisione di portare i rifiuti di Roma a Civitavecchia

ama



Non c’è pace per il territorio della provincia di Roma, sistematicamente usata come la
discarica di una Capitale vittima dell’inerzia e dei rimpalli di Comune e Regione.

Procedura d’emergenza

Tullio Carbonetti , vicepresidente dei Gruppi Ricerca Ecologica Lazio, è lapidario:
“ ancora una volta scatta una procedura di emergenza per evitare il rischio sanitario
a Roma: non lascia dubbio ad interpretazioni il comunicato pubblicato dalla Città
Metropolitana di Roma Capitale riguardo una prossima ordinanza del Sindaco Raggi
per autorizzare la maggiorazione di rifiuti urbani da conferire presso la discarica di
Civitavecchia ”, resasi necessaria per la chiusura anticipata di qualche settimana del
sito di Colleferro.

Stesse soluzioni

“ La soluzione appare sempre la stessa – continua Carbonetti – in barba a quanto
contenuto nelle Linee strategiche per il Piano rifiuti regionale e nella proposta di
Piano stesso, approvata in Giunta ma non ancora iscritta all’ordine del giorno dei
lavori d’aula del Consiglio Regionale del Lazio: e cioè scaricare sugli altri ambiti
territoriali quello che non viene pianificato – ormai da anni – nella Capitale, in
spregio di qualunque legge, dell’obiettivo di un’economia circolare, dei rifiuti zero,
dello stop alle discariche” .

Vittime di incapacità

Vittime dell’inerzia, dell’inefficienza, dell’incapacità restano i tanti cittadini del
Lazio, i quali, sebbene da anni si rendano protagonisti delle migliori performance in
termini di percentuali di raccolta differenziata dei propri rifiuti, sono costretti a subire
le emergenze ad orologeria causate dal duo Raggi-Zingaretti. A questo punto
possiamo augurarci che quanto prima entrambi vengano commissariati affincheè gli
abitanti del Lazio abbiano finalmente la certezza amministrativa che meritano.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20950 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.