Criptovalute, il Venezuela le usa per aggirare le sanzioni

Criptovalute



Il Venezuela vuole utilizzare le criptovalute nel tentativo di stabilizzare la sua fragile economia, duramente colpita dalla crisi politica in corso e dalle sanzioni comminate dagli Stati Uniti. Secondo le intenzioni dei funzionari dell’esecutivo, come rammentato negli ultimi giorni da www.lecriptovalute.org, la criptovaluta nazionale, il Petro, dovrebbe poter essere in grado di neutralizzare la minaccia rappresentata dai mercati neri e dal riciclaggio del denaro, andando così a fornire una mano d’aiuto decisiva nel tentativo di fermare lo squilibrio determinato da quella che il governo ha definito essere “una guerra economica indotta dall’estero”.

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha affermato che il Petro, a differenza di altre valute digitali, “non ha bisogno di essere estratto perché ha già un valore”. La sua emissione avviene infatti sulla base delle riserve del petrolio venezuelano, ed è dunque una ricchezza mineraria. Maduro ha poi precisato che il Petro è già presente e negoziabile in sei exchange internazionali, tra le piattaforme di scambio cripto-fiat più importanti del mondo, e che presto sarà accettata a livello nazionale per le transazioni interne.

Sottolineando che tutti i venezuelani avranno accesso alla moneta Petro per effettuare acquisti, Maduro ha poi confermato che si tratta di un vero e proprio sostituto legale ai dollari nelle transazioni immobiliari. Con qualche dettaglio ulteriore, Maduro ha poi precisato che il Piano Nazionale sulle criptovalute del Venezuela durerà 10 anni, e che il Petro sarà l’epicentro dello sviluppo di una nuova economia del Paese.

Ricordiamo che ogni unità della criptovaluta del Venezuela è equivalente a 3.600 Bolivar sovrani e che sarà il riferimento per fissare il valore del costo del lavoro, il prezzo dei servizi e dei beni di consumo.

L’occasione è naturalmente utile per rammentare come l’economia del Venezuela sia stata in precipitoso declino a seguito di una diminuzione globale del prezzo del petrolio greggio, la principale esportazione del Paese, mentre i disordini politici in corso colpiscono duramente anche la stabilità finanziaria del Paese. Dall’inizio dell’anno, infatti, il Paese è stato coinvolto in gravi disordini politici mentre Maduro e il leader dell’opposizione Juan Guaido sono continuativamente impegnati in una battaglia di potere.

L’amministrazione statunitense ha cercato di incidere attraverso una pressione economica e diplomatica contro Maduro, con l’imposizione di sanzioni contro il suo governo e diverse dipartimenti governativi nel tentativo di aumentare l’influenza su Caracas. Gli Stati Uniti hanno congelato tutti i beni del governo venezuelano all’inizio di agosto, e hanno ufficialmente rifiutato di riconoscere Maduro come legittimo presidente del Venezuela, spingendo invece il leader dell’opposizione Guaido, che buona parte della comunità internazionale riconosce come presidente ad interim del Paese.

Quasi 5.000 persone stanno lasciando il Venezuela ogni giorno a causa dell’instabilità e dell’incertezza, nel bel mezzo di una crisi economica, e 3 milioni di venezuelani hanno già lasciato i confini dal 2015, secondo l’agenzia dell’ONU per i rifugiati.

Insomma, una situazione evidentemente molto difficile, che il Venezuela spera ora di poter invertire anche grazie al ruolo esercitato dalle criptovalute dentro e fuori dal Paese.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.