Tempo di cambiare caldaia: i vecchi modelli devono essere dismessi, ma sui nuovi acquisti ci sono gli Ecobonus

Tempo di cambiare caldaia: i vecchi modelli devono essere dismessi, ma sui nuovi acquisti ci sono gli Ecobonus



Il riscaldamento domestico è una delle principali cause del caro bolletta, i vecchi impianti hanno gravato per anni sull’economia familiare e in alcuni casi proseguono nel farlo.

Questo non è stata l’unica ripercussione negativa che ha prodotto l’utilizzo massivo delle vecchie caldaia, visto che anche in termini di impatto ambientale queste hanno peggiorato notevolmente la qualità dell’aria nelle nostre città. Un’aria già vessata dai carburanti delle vecchie automobili e dai fumi industriali.

C’è però una buona notizia che le riguarda, anzi, una buona e una cattiva. Quella buona è che questo è davvero un ottimo momento per procedere alla sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento con una soluzione più moderna ed ecologica. Quella cattiva è che non c’è altra possibilità se si vogliono evitare sanzioni. Andiamo a spiegare perché.

La Regione Lazio contro le caldaie ad alto consumo

Chi vive nel Lazio e, soprattutto, a Roma sa bene che la qualità dell’aria lascia a desiderare. Volendo riportare dei dati empirici ci sono i rilevamenti della ARPA aggiornati giorno per giorno (qui, ad esempio, i livelli di polveri sottili in tutta la regione), oppure il dossier di Legambiente ‘Mal’Aria’ che bacchetta la Capitale sostenendo che nel 2018 per ben 94 giorni l’aria è stata inquinata oltre i livelli di legge.

Il problema è sotto la lente d’ingrandimento da tempo e la Regione insieme al nuovo governo hanno stabilito delle immediate contro misure. L’incontro è avvenuto a novembre tra il ministro dell’Ambiente Costa e il governatore Zingaretti. Il primo ha messo sul piatto 4 milioni di euro, il secondo 10. Questi fondi sono stati stanziati per:

  • incentivare l’utilizzo di carburanti alternativi;
  • aumento della superficie urbana a traffico limitato;
  • car sharing;
  • colonnine di ricarica per mezzi elettrici;
  • impulso alla mobilità ciclistica e pedonale;
  • promozione dell’utilizzo di vernici da esterni che assorbono lo smog.

E le caldaie? A tal proposito Zingaretti ha detto che proseguiranno gli incentivi per gli impianti privati ad alta efficienza energetica e il lavoro di rimozione degli impianti privati di riscaldamento ad alto inquinamento.

Ecobonus 2019

Come dicevamo però il momento è propizio: la Legge di Bilancio 2019 conferma gli Ecobonus promulgati nel 2013 (e aggiornati di anno in anno durante le varie legislature).

Nello specifico il comma 67 della legge prevede la detrazione d’imposta del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, riguardo al riscaldamento domestico:

Detrazioni al 50% per:

  • caldaie a biomassa;
  • caldaie a condensazione con efficienza classe A (passano al 65% se dotate anche di sistemi di termoregolazione appartenenti alle classi V, VI o VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02).

Detrazioni al 65% per:

  • pompe di calore;
  • collettori solari per produzione di acqua calda;
  • scaldacqua a pompa di calore;
  • generatori ibridi (pompa di calore integrata con caldaia a condensazione).

A questo punto la questione è su quale prodotto orientarsi a seconda delle caratteristiche. Il primo consiglio è sempre quello di rivolgersi ad un’azienda specializzata che offra anche una consulenza preventiva sulle tecnologie che abbiamo citato finora, e che magari possa intervenire in caso di eventuali manutenzioni. Su Roma ce ne sono diverse ma non tutte operano anche fuori dal raccordo (come ad esempio questa che si spinge fino ad Ariccia), quindi attenzione.

Riguardo alle tipologie attualmente disponibili sul mercato, ecco un infarinatura.

Caldaia a condensazione

Si tratta di modelli innovativi che vivono il loro periodo d’oro essendone altamente incentivato l’acquisto. Perché? Per la capacità di ridurre le spese di riscaldamento e l’impatto ambientale, i fumi prodotti infatti non vengono dispersi nell’atmosfera ma riutilizzati dall’impianto stesso per produrre nuova energia. Tra l’altro hanno un costo che va dai 500 euro ai 3500, non il più esagerato di questo mercato, ma la spesa non solo sarà ammortizzata dagli ecobonus ma anche da un risparmio medio del 20% sulla produzione di acqua calda (ma ad una temperatura di 80°!).

Caldaia a pompa di calore

Il funzionamento in questo caso è questo: la caldaia trae energia esterna dall’aria intorno la casa e la trasferisce all’acqua all’interno dell’impianto per riscaldarla. Una temperatura esterna eccessivamente bassa tende però a rendere più difficile il funzionamento della pompa, la cui installazione non viene consigliata lì dove le temperature sono troppo rigide (come in montagna).

Caldaia a biomassa

Questo tipo di caldaia deve per forza essere installata all’esterno (da non confondere con le termostufe che invece vanno dentro casa). Questo particolare la favorisce nella scelta di un nuovo sistema di riscaldamento condominiale visto che i serbatoi dei silos degli impianti più grandi possono contenere addirittura 2 quintali di materiale da combustione.

Il costo del materiale è molto ridotto rispetto a gasolio o metano, il prezzo degli impianti invece sono piuttosto elevati.

Collettori solari per produzione di acqua calda sanitaria

Come suggerisce il titolo, questi impianti sono collegati a dei pannelli solari (ergo hanno bisogno di questi per funzionare). Ce ne sono di diversi modelli. Il più basico è quello che presenta solo boiler e pannello, spesso si vedono sui tetti delle case, ma si tratta di modelli eccessivamente legati alle condizioni climatiche anche se costi e installazione possono giustificare la scelta.

Meglio optare per un modello “bivalente” che va sia a energia solare che a corrente alternata (che viene utilizzata solo in caso di necessità). Con questo sistema, la cui installazione è comunque piuttosto onerosa, la spesa annuale per il riscaldamento non dovrebbe superare i 100 euro annui.

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 
Загрузка...
Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12078 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.