Napoli, in commissione Cultura il tema dei teatri di periferia



La commissione Cultura, presieduta da Elena Coccia, ha oggi discusso dei teatri di periferia e, in particolare, dello stato di abbandono in cui versano tre strutture in particolare: l’ex Supercinema di San Giovanni a Teduccio, il Maestoso di Barra, il teatro nel centro Polifunzionale di Soccavo.

La riunione odierna è stata richiesta dalla consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle) che ha illustrato alla commissione i risultati di una ricostruzione sullo stato dei tre teatri di periferia evidenziando che, per tutte e tre le strutture, nel corso degli anni, il Comune ha investito risorse, attingendo di volta in volta a finanziamenti dell’Unione Europea o regionali, o a risorse comunali, e riportando puntualmente in ogni Piano Degli Obiettivi la necessità di completare i lavori, senza, però, mai portare a termine gli interventi.

I tre teatri versano oggi in uno stato di abbandono, e in questo modo non solo si vanificano gli investimenti fatti ma, soprattutto, le strutture restano sottratte alle attività culturali che potrebbero ospitare a beneficio dei cittadini delle periferie. Nel dettaglio, ha spiegato la consigliera Matano: per l’ex Supercinema di San Giovanni a Teduccio sono stati spesi 1 milione e 300mila euro, nel 2009 furono affidati nuovi lavori di ristrutturazione che non si sa se sono stati portati a termine e, attualmente, i cancelli sono chiusi; il Maestoso di Barra, invece, fu acquistato dal Comune per destinarlo ad attività teatrali, sono stati spesi per la sua riqualificazione 1 milione e 200mila euro e, nel 2015, rifatti i computi metrici e l’aggiornamento prezzi, per il completamento dei lavori per altri 4 milioni di euro, ma l’aggiudicazione definitiva della gara non è stata firmata nei tempi dovuti dal servizio competente; infine, il teatro di 400 posti del Polifunzionale di Soccavo che versa in una condizione di totale degrado, come documentato da una raccolta di foto che la consigliera ha messo a disposizione della commissione: il Comune aveva partecipato ad un bando nazionale che finanziava la riqualificazione delle aree urbane degradate con un progetto che, però è arrivato solo al 236mo posto in una graduatoria che ha premiato soltanto 46 progetti, mentre l’amministrazione ha deciso di ristrutturare un’altra area del Polifunzionale.

Alla riunione odierna, come hanno evidenziato, insieme alla presidente Coccia, sia la consigliera Matano che la consigliera Quaglietta (PD), non ha partecipato nessuno dei tre assessori invitati – alla Cultura, ai Beni comuni e al Patrimonio – per cui, ha concluso la presidente Coccia, d’ora in poi l’argomento dell’abbandono dei teatri di periferia sarà posto, ogni giorno, come tema della commissione Cultura allo scopo di sollecitare l’amministrazione ed i servizi competenti ad intervenire per aggiornare la commissione stessa sullo stato delle procedure per la restituzione ai cittadini delle periferie, i tre importanti spazi.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13322 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.