Il dott. Antonio Necci sulla chiusura del PPI Anagni



Dopo le ultime elezioni regionali,marzo 2018 ,nonostante siano cambiate le maggioranze e i suonatori la musica è rimasta sempre la stessa. Anagni da città dei Papi a città martire per le scelte della politica regionale.  Prima… un inquinamento  selvaggio ed incontrollato  del territorio, tale da renderlo di interesse nazionale per problematiche ambientali  (SIN), necessitante di un, mai avvenuto,  monitoraggio attento e continuativo. Zona inquinata come poche altre in Italia ,con avvelenamento dell’aria,del suolo, dei fiumi e  delle falde acquifere superficiali e profonde. Basta citare  l’emergenza rifiuti del 1996 nella Regione Lazio, quando,  per innegabili responsabilità politiche, anche locali, fu scelta la discarica di Radicina proprio nel  territorio di  Anagni,  per sversare, senza elementari precauzioni di salvaguardia, in maniera a dir poco  criminale, tonnellate e tonnellate di rifiuti.  Dal 1997 …..si avete capito bene sono più di venti anni che questo sito andava messo in sicurezza, ma colpevolmente non è stato mai fatto, con la realizzazione di una catastrofe ambientale drammatica, sono oltre venti anni che la discarica di Radicina, continuativamente, percola veleni  nelle acque superficiali e profonde. Questo a mero esempio delle scellerate decisioni attuate dalla classe politica  di  Anagni. La conseguenza ineluttabile è stato il  moltiplicarsi in maniera esponenziale di gravi patologie ,oncologiche,cardiovascolari, polmonari etc. Basta consultare le conclusioni della valutazione epidemiologica conclusa nel 2012 dal DEP Regionale Lazio, che:  “giudicava il  cluster di Anagni – dopo aver riportato numeri indicibili per incidenza di tumori e ricoveri, con incrementi percentuali a tre cifre- meritorio di ulteriori approfondimenti”. Approfondimento che non c’è mai stato, anzi,di contro, hanno provveduto  ad abolire l’Ospedale di Anagni ed a smantellare pezzo a pezzo tutto il sistema sanitario che gli  ruotava intorno. Ora… la chiusura del PPI  epilogo del martirio, perché di martirio trattasi. Infieriscono ancor più su quanti si sono ammalati e su quanti purtroppo sempre di più si ammaleranno in seguito. Tolgono l’unico servizio di emergenza–urgenza,ultimo residuo, in un territorio così critico, di una sanità appena dignitosa. Di contro, creano e propagandano i PAT, servizi totalmente inutili, costose  brutte copie, con sovrapposizione di orari, degli ambulatori dei Medici di Medicina Generale e della Guardi Medica.  Un inutile PAT ad Anagni era già  stato sperimentato, subito miseramente traslocato altrove dopo appena pochi mesi. Ora di nuovo lo scempio : impegnano oltre 500.000 euro l’anno per un servizio fallimentare e chiudono il PPI. Per delibera decretano che ad Anagni non ci sono né ci saranno in seguito codici rossi o gialli ,ma solo codici bianchi e verdi. Cosa significa ciò? che i cittadini di Anagni,nonostante l’inquinamento, godono e godranno sempre  tutti di ottima salute ? che non c’è, né mai ci sarà, il rischio per i cittadini di un evento acuto da codice giallo o rosso? O forse la condanna a tavolino per chi si ammala e subisce un evento acuto? Chi ha  realizzato tutto ciò, chi continua a perseguire, per motivi altri, scenari di malattie e morti incurante dei cittadini  se ne deve assumere in pieno tutte le responsabilità, di fonte alla città, di fronte alla legge e per quanto possibile, eventualmente presenti, di fronte alle loro coscienze. Anagni la città martire, simbolo dello smantellamento della sanità a livello provinciale divenuta terreno di pascolo per i soliti organizzatori senza scrupoli  ,quelli che trasformano l’emergenza-urgenza in una banale routine quotidiana a discapito dei cittadini, pur di realizzare i loro biechi interessi. Noi della lista civica MEDICI E AMBIENTE  CI OPPONIAMO CON FERMEZZA A TALE STRATEGIA scellerata e chiediamo a tutti i consiglieri regionali, al Presidente Zingaretti e ai sindaci dell’area nord della ciociaria   di porre fine  al martirio di  Anagni. Si interrompa questa sciagurata politica e  si ridia un minimo di fiducia e la possibilità di curarsi ai cittadini di questo territorio. Per non essere complici delle morti annunciate che si verificheranno dovete prendere una decisione forte e perseguirla fino in fondo. In caso contrario dimettetevi, perchè non è più possibile anteporre la politica alla salute.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 18655 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.