Salute, come trattare i denti dei bambini e a che età la prima visita dal dentista



Spesso si tende a pensare che i cosiddetti denti da latte non sono importanti. In realtà non c’è nulla di più sbagliato, perché ci si deve prendere cura anche di quelli e non si devono sottovalutare né le rotture accidentali né la carie.

Quali sono, quindi, i consigli da seguire per curare i denti dei bambini? Lo vediamo nel dettaglio, in modo tale da non sbagliare nulla e non avere delle ripercussioni più in là con l’età.

Come curare i denti dei bambini

Il primo consiglio da seguire, che è senza dubbio uno dei più importanti, è quello di iniziare a lavare i denti entro il primo anno di vita. Attenzione, però, perché non si dovranno usare dei dentifrici sbiancanti o che contengono elevati dosi di fluoro.

Questi elementi potrebbero, infatti, andare a danneggiare i denti dei bambini. Intraprendere, sin da subito, un corretto iter di pulizia dentale, aiuta anche dal punto di vista delle buone abitudini, che il bimbo acquisirà sin dalla tenera età.

Il secondo, importante, consiglio è quello di recarsi dal dentista per il primo controllo entro i 3 anni. Sebbene possa sembrare troppo presto, è sempre utile sottolineare che prima si incomincia a curare i denti e migliore sarà la salute degli stessi quando si crescerà.

Trascurando questo aspetto nei primi anni di vita, infatti, si potrebbero verificare non pochi problemi quando si paleseranno i denti definitivi.

Gli esperti consigliano di far approcciare il bimbo al mondo della cura dentale come in un gioco: infatti, se si aspetta il primo serio dolore per portare il piccolo dal dentista, quest’ultimo assocerà la figura professionale a un episodio spiacevole, diventando così difficile da trattare.

Ecco, quindi, che conviene iniziare a lavare i denti sin dal momento in cui spuntano gli incisivi inferiori, nel primo anno di età. Si consiglia di lavarli due volte al giorno, evitando il collutorio, che i più piccoli potrebbero ingerire facilmente, e i dentifrici troppo aggressivi.

Dopo i 3 anni, poi, per una maggiore cura, si consigliano gli spazzolini elettrici, purché questi abbiano delle testine molto piccole, in modo tale da permettere ai più piccoli di spazzolare bene. Anche a questo si deve fare molta attenzione.

Come suggerito anche dagli esperti di https://dottordentista.com è importante insegnare che i denti non vanno spazzolati con troppo vigore e, soprattutto, che si deve fare molta attenzione alle gengive.

Proprio in questa fase, infatti, queste sono molto delicate e, per il suddetto motivo, spazzolare troppo forte potrebbe provocare dei danni non indifferenti.

I consigli continuano e si passa all’alimentazione. Per avere denti perfetti, infatti, non serve solo la genetica, ma si deve anche seguire una dieta quasi priva di zuccheri (sarebbe preferibile eliminarli del tutto, ove possibile).

Questo è un aspetto molto importante che, assieme a una cattiva igiene orale, porta con sé la maggior parte dei problemi dentali. I dentini decidui, quindi, vanno trattati e curati esattamente come quelli definitivi ed è per questo motivo che ci si deve affidare a degli esperti e si devono seguire le basilari norme sopra elencate, che permettono di ridurre al minimo la possibilità di problemi in età più avanzata.

Come è facile immaginare, si consiglia sempre di rivolgersi a uno specialista anche in caso di rotture accidentali. È buona norma andare da un dentista nelle ore immediatamente successive al fatto, spiegando in che modo il bambino si è provocato la rottura e i sintomi che sono stati notati dopo.

In questo modo, lo specialista sarà in grado di aiutare genitori e bimbo, con tutte le cure del caso.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.