FIUMICINO – ESTERINO MONTINO ALL’ATTACCO



FIUMICINO - ESTERINO MONTINO ALL'ATTACCOOltre al Comune di Roma Capitale e ai suoi quattordici municipi (il XII ha visto vincere Cristina Maltese al primo turno), il 9 e 10 giugno si recheranno di nuovo alle urne altri sei comuni, tra cui Fiumicino, dove si scontrano Mauro Gonnelli del centrodestra ed Esterino Montino, candidato del centrosinistra.
Al primo turno Gonnelli ha ottenuto circa il 46% dei voti, distaccando il suo avversario di circa dieci punti. Ma Montino non vuole ricoprire il ruolo della vittima sacrificale e sta “battendo il territorio” per sovvertire il risultato nel ballottaggio, confidando non tanto sull’apparentamento di altre liste (se si esclude il Movimento 5 Stelle, solitamente restio nel sostenere un candidato rispetto a un altro), quanto nel convincere coloro che al primo turno non sono andati a voltare. L’astensione nel comune portuale, pur non raggiungendo il picco della capitale, ha riguardato quasi un elettore su quattro.
Originario di Fiumicino (quando era però parte del Comune di Roma) ma “prestato” da molti anni alla politica a livello regionale e nazionale (tra i suoi incarichi ci sono anche due legislature come senatore nelle liste dei DS e dell’Ulivo), dopo lo scioglimento dell’ultima assemblea regionale, nel quale rivestiva l’incarico di capogruppo PD, e la decisione di Zingaretti di azzerare completamente i consiglieri uscenti, ha fatto la scelta di tornare sul territorio candidandosi a sindaco.

 

Nel primo turno le percentuali di voto sono in linea di massima le stesse con cui cinque anni fa l’ex sindaco Canapini sconfisse il candidato di centrosinistra Bozzetto. Con quali argomenti lei cerca di colmare questo gap che in questa città sembra ormai strutturale? 
“Dieci anni di governo di centrodestra hanno devastato questo territorio. Non si ricorda una sola grande opera. Si sono limitati a costruire una serie di rotonde per tutto il Comune, cercando di correre ai ripari nell’ultimo mese con interventi sbrigativi. Su cosa punto? Trasparenza, aggregazione, lavoro, rilancio del turismo e delle attività produttive, una mobilità moderna e sostenibile, servizi sociali. E poi la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica, attraverso le consulte, il bilancio partecipato, gli incontri con le categorie e la verifica periodica del mio programma”.
Parlare di Fiumicino significa anche parlare di aeroporto. Qual è la sua posizione sul progetto di raddoppio del terminal? 
“Sono contrario a qualsiasi ampliamento oltre l’attuale sedime aeroportuale. Non serve una quarta pista. Basti pensare che ci sono scali internazionali che hanno il doppio del traffico aereo e meno piste. Gli interventi devono invece essere attuati all’interno del sedime, potenziando le infrastrutture interne, migliorando le tecnologie. Non si creano nuovi posti di lavoro facendo interventi che vanno a distruggere la nostra Riserva. Si creano, invece, inserendo delle clausole sociali all’interno dei contratti”. 
Recentemente il suo antagonista ha evitato il confronto televisivo in Rai. Come ha giudicato questo modo di fare? 
“Il mio antagonista ha evitato ben due confronti in Rai. Poi ne ha evitati anche altri, come quello sulla Cultura al teatro Traiano di Fiumicino e a Fregene con il Comitato Fuoripista. Evidentemente ci sono degli argomenti su cui preferisce mantenere l’ambiguità, sperando che passino inosservati agli occhi della gente. Di sicuro il raddoppio dell’aeroporto è uno di questi, visto che Alemanno lo ha chiamato in causa proprio per difendere la costruzione della quarta pista”.
Per quale motivo un elettore indeciso dovrebbe scegliere lei e la sua squadra? Quale messaggio vuole mandare a questi potenziali elettori? 
“Ho deciso di tornare sul territorio in cui sono nato e ho vissuto per circa 40 anni per mettere al servizio dei cittadini l’esperienza che ho accumulato in questi anni tra Regione, Comune di Roma e Senato. Il mio programma elettorale è nato in mezzo alla gente, in base alle esigenze che mi sono state sottoposte. Sono stati espressi grandi malumori. E’ arrivato il momento di cambiare, di mandare a casa questo centrodestra definitivamente. Chiedo a tutti quanti, prima di andare a votare, di guardarsi intorno. Dovrebbe bastare solo questo per decidere chi tra i due è il candidato migliore”.

 

 

Silvio Rossi

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/7769/” title=”7769″]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.