ANGUILLARA – CONSIGLIO COMUNALE: CROCIFISSO SI, CROCIFISSO NO



Comunicato stampa

Con la presentazione di un ordine del giorno in Consiglio Comunale, che vede quale primo firmatario il Vice Sindaco Paolessi, abbiamo voluto esprimere il nostro sostegno al Governo che, con il ricorso avverso la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo sulla rimozione del Crocefisso dalle aule scolastiche, ha voluto difendere un simbolo della nostra Cultura, universalmente riconosciuto come espressione di solidarietà, sacrificio e uguaglianza.

La presenza del Crocefisso nelle aule scolastiche, così come in tutti gli uffici pubblici, a nostro modo di vedere, non è da ritenersi quale pregiudizio nei confronti di religioni diverse dal Cristianesimo o mancato riconoscimento della statuita laicità dello Stato, ma anzi – così come si evince dalla Sentenza del Consiglio di Stato citata nell’ordine del giorno – in essa può cogliersi la rappresentazione simbolica dei valori costituzionalmente riconosciuti e civilmente rilevanti, come la valorizzazione della persona e l’affermazione dei suoi diritti.

Riteniamo preoccupante che l’Europa non plachi in tal senso la deriva verso un relativismo culturale che sconfessa le stesse radici storico-culturali del Vecchio Continente e che rischierebbe di svilire il senso che sta alla base dell’Unione Europea: il riconoscimento di un’identità comune dei popoli che la costituiscono.

Avremmo voluto ci fosse un’ampia convergenza sul tema, dispiace notare come gli esponenti PD, ad esclusione del Consigliere Bianchini che si è astenuto, abbiano espresso parere contrario, adducendo motivazioni che poco o nulla hanno a che vedere con la difesa dell’identità della Nostra Nazione e che invece, forse, si rifanno a prese di posizione ideologiche e lontane dal Comune Sentire. A quanti si sono espressi in tal senso vorrei ricordare le affermazioni di un grande pensatore Italiano, che di certo non può essere considerato un “fondamentalista cristiano”, quale Benedetto Croce. Nessun Cittadino Italiano può onestamente affermare “Io non sono Cristiano”.

Enrico Serami – Capogruppo PDL


ORDINE DEL GIORNO

OGGETTO: Solidarietà e sostegno al Governo Italiano per la posizione assunta contro la decisione della Corte Europea dei diritti dell’uomo che vieta l’esposizione del Crocefisso nelle scuole.

Premesso
che la nostra Nazione è legata storicamente e culturalmente alla religione Cristiana in generale e Cattolica in particolare la quale, seppur con pari diritto rispetto alle altre, è l’unica citata nella nostra Costituzione;

Atteso che nel comune sentire del Popolo Italiano il Crocefisso è da sempre visto come un simbolo di accoglienza, di comunione e di accettazione;
Vista la sentenza con la quale la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha giudicato la presenza dei Crocefissi nelle scuole “una violazione della libertà religiosa” degli alunni, ordinando la rimozione del simbolo cristiano in tutte le scuole del Paese;

Ritenuta tale sentenza un’ingiusta imposizione dal carattere fortemente ideologico, che si scontra con i valori e le tradizioni che appartengono alla Storia della Nostra Nazione, dove la maggioranza degli studenti e delle famiglie sceglie l’insegnamento della religione cattolica;

Valutata
altresì la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo una indebita ingerenza su un tema intimamente legato all’identità culturale e spirituale del Popolo Italiano, che nulla ha a che vedere con il concetto di laicità dello Stato, concetto che varia in relazione della tradizione culturale e dei costumi di vita di ciascun popolo, così come recepiti negli ordinamenti giuridici di ciascuna nazione;

Letta
la Sentenza della VI sezione del Consiglio di Stato n. 556 del 13 febbraio 2006, in cui viene affermata la piena legittimità della presenza del Crocefisso nelle scuole;

Considerato che in una sede non religiosa come la scuola, il Crocefisso, può comunque rappresentare e richiamare valori universalmente riconosciuti alla base della nostra convivenza civile, svolgendo una funzione simbolica altamente educativa, a prescindere dalla religione professata;

Ritenuto
il crocefisso un simbolo idoneo ad esprimere, in ogni luogo, valori universali, quantunque di origine religiosa, di cui è pervasa la società Italiana, e ritenuta la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo estremamente pericolosa in quanto tesa ad emarginare dal mondo educativo un simbolo di fondamentale importanza per la formazione e la crescita morale degli individui.

Tutto ciò valutato e considerato,

Il Consiglio Comunale esprime apprezzamento, solidarietà e condivisione per la posizione espressa dal Governo Italiano nel ricorso avverso la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che vieta la presenza dei Crocefissi nelle scuole Italiane di ogni ordine e grado.

F.to

Stefano Paolessi – Vice Sindaco
Enrico Serami – Capogruppo PDL
Marco Tosi – Presidente del Consiglio Comunale
Marco Bigagli – Assessore PDL
Eugenio Catarci – Assessore PDL
Dario Chiavari – Assessore PDL
Augusto Giontella – Consigliere Comunale PDL
Giovanni Minelli – Consigliere Comunale PDL
Giovanni Casasanta – Consigliere Comunale PDL
Giovanni Cresca – Consigliere Comunale PDL

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/890/” title=”890″]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.