Medicina: cure termali contro Alzheimer e osteoporosi

La notizia battuta nei giorni scorsi dalle agenzie nazionali potrebbe rivoluzionare la ricerca in ambito medico di una delle patologie neurologiche di cui, purtroppo, la scienza non dispone al momento di terapie risolutive.
Le cure termali, molto diffuse anche sul territorio della provincia di Frosinone grazie ai centri di Ferentino e Fiuggi, potrebbero rivelarsi uno strumento utile anche contro l’Alzheimer, secondo le evidenze dei primi dati sperimentali. Non solo: le acque termali costituirebbero una fondamentale arma di prevenzione per malattie diffuse e invalidanti, come l’osteoporosi, che può aumentare il rischio di frattura nelle donne dai 50 anni in poi, limitando severamente l’autonomia delle persone colpite e condizionandone negativamente la qualità di vita.

Sono proprio queste le nuove frontiere a cui lavora la Fondazione per la ricerca scientifica termale (Forst), una costola di Federterme, nata per promuovere studi di medicina termale basati sull’evidenza e che ha presentato a Ischia, nel corso dell’Assemblea annuale degli imprenditori termali, il quadro dei progetti in corso.
Gruppi di ricerca italiani hanno dimostrato, con studi in vitro e in vivo, che i solfuri contenuti nell’acqua termale sono in grado di ritardare la progressione della patologia; i solfuri risultano in grado di agire positivamente, inoltre, sulle cellule dell’osso e, soprattutto nelle donne, sono in grado di ritardare o contrastare l’insorgere dell’osteoporosi. “Le proprietà delle acque termali, in particolare di quelle classificate come sulfuree, erano apprezzate già dai Romani: attualmente, grazie alla particolare composizione chimico-fisica del liquido che sgorga da quelle che, un tempo, erano le antiche vasche, è possibile trattare efficacemente patologie croniche che colpiscono orecchio, naso, faringe, laringe e bronchi, oltre a malattie cutanee, ginecologiche e osteoarticolari, postumi da traumi – ha dichiarato Domenico Pompeo, nipote di quell’Ambrogio che, nel 1854, fondò le terme che tuttora portano il nome di famiglia – Senza contare i benefici effetti sui disturbi associati alla calcolosi renale o gastrointestinali apportati dalle cure idropiniche.

Le recenti ricerche scientifiche sul termalismo, come gli studi realizzati dalla Forst, oltre a confermare quanto già noto in tema di proprietà terapeutiche e benefici per la salute, aprono un nuovo capitolo riguardante la prevenzione e la cura di malattie degenerative e invalidanti, contro le quali, oggi, forse, abbiamo un’arma in più”. E riguardo all’accordo siglato da Federterme con l’Associazione nazionale dei Comuni termali (Ancot), che ha posto le basi della nascita del Coordinamento Terme d’Italia, Pompeo ha dichiarato: “Il mio plauso è rivolto ad ogni iniziativa, come questa appena citata, che ponga al proprio centro non solo lo sviluppo di un settore, come quello dell’accoglienza in ambito termale, in continua evoluzione, ma che promuova anche lo sviluppo, con tutte le ricadute economiche e sociali connesse, del territorio in cui gli stabilimenti hanno sede”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*