Nino Cartabellotta
Primo Piano

Cartabellotta: “In calo rt e nuovi casi”

Cartabellotta: “Se riapriamo le scuole non possiamo riaprire altro finchè la situazione degli ospedali non migliora. Vaccino? Obiettivo 500mila dosi al giorno raggiungibile se aziende manterranno i patti. Finora dosi utilizzate male, bisognava mettere subito in sicurezza i più fragili. Sputnik? Aifa potrebbe autorizzarlo senza aspettare Ema, ma non mi sembra una priorità immediata” [CONTINUA]

Nino Cartabellotta
Primo Piano

Cartabellotta: “Sistema Regioni a colori ha funzionato”

Cartabellotta: “Indicatore più importante è la variazione percentuale dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente, appena aumenta bisogna chiudere subito a livello locale. Indice rt ha molti limiti. Il sistema frenante testato per frenare sull’asciutto, oggi si trova a fare i conti con un pavimento pieno di macchie d’olio. 300mila vaccinazioni al giorno? Al momento è irrealistico. Sputnik? Non hanno presentato richiesta all’Ema, l’Italia potrebbe approvarlo direttamente come Aifa ma non verrebbe ben visto dall’Ue. Somministrare una sola dose? Un azzardo” [CONTINUA]

Nino Cartabellotta
Primo Piano

Cartabellotta: “Lockdown totale per 2 settimane farebbe abbassare la curva”

Cartabellotta: “L’obiettivo dovrebbe essere far circolare il virus meno possibile e non abbassare il carico sugli ospedali, tutti i Paesi invece hanno scelto la seconda via. Varianti? Quella inglese più contagiosa fino all’80%, quella sudafricana sembra sia più resistente al vaccino di Astrazeneca, ma servono ulteriori conferme. Finora campagna vaccinale procede bene, ma troppa differenza tra le Regioni e pochi ultraottantenni vaccinati” [CONTINUA]

Nino Cartabellotta
Primo Piano

Cartabellotta: “Pfizer ha rimodulato la consegna delle dosi perché la sesta dose non è gratuita”

Cartabellotta: “Con uno, due, tre giorni di ritardo non succede nulla, immaginare di poter rinviare di un mese la seconda dose assolutamente no. Pandemia? Le misure introdotte hanno dato una mano alla frenata del contagio, ma se scattasse la terza ondata in questo periodo stagionale la situazione diventerebbe molto critica. Il sistema delle regioni a colori va rivisto, in primis il fatto che sono troppo pochi 14 giorni per uscire da una fascia più restrittiva e passare ad una meno restrittiva” [CONTINUA]