gianluigi paragone
Primo Piano

Paragone: “Tutti mi schifano, sono l’unico del Gruppo Misto che non è stato chiamato”

Paragone: “Europeisti? Fino a poco tempo fa quelli del M5S raccoglievano le firme per uscire dall’Euro. Nelle settimane scorse hanno definitivamente chiuso il sito Fuori dall’euro e hanno chiuso il dominio. Sono passati da Gianroberto Casaleggio a Bruno Tabacci, da Dario Fo a Mario Monti. Se Di Battista non fa uscire i suoi dal M5S, il valore dei dibattistiani è zero. Alessandro deve avere il coraggio di uscire dal M5S e dire: a questo mercato delle vacche non ci stiamo. Renzi alla fine entrerà in maggioranza e darà le carte. Molto probabilmente Conte se ne andrà a casa” [CONTINUA]

paragone
Primo Piano

Paragone: “Serve un vaccino fiscale”

Paragone: “Stiamo costringendo l’economia reale a morire, mentre questi parlano di servizi segreti, di come si sono svegliati Conte, Renzi e Casalino. E’ chiaro che i disordini arriveranno. Hanno inviato le cartelle esattoriali, ma se tu mi hai costretto a stare a casa devi resettare una serie di impegni fiscali. O saltano le famiglie o salta lo Stato, ma lo Stato non può saltare, ecco perché lo Stato adesso deve sfondare di deficit per ripartire [CONTINUA]

paragone
Primo Piano

Paragone: “La Calabria è la didascalia di un governo menefreghista”

Paragone: “Se in emergenza covid non riusciamo a trovare un professionista che non abbia al suo attivo posizioni imbarazzanti, vuol dire che siamo messi male. Quel dirigente scelto nonostante quello che ha detto sul covid e sulle mascherine, è un’offesa nei confronti del personale sanitario. Al nuovo commissario della Calabria suggerisco di scegliere come portavoce Angela da Mondello, quella di Non ce n’è coviddi. I no mask esistono perché se il governo continua a non dire tutto i complottisti dilagheranno. Quando il popolo vuole sapere cercherà le pseudo verità, che vale tanto quanto il segreto di Stato” [CONTINUA]

gianluigi paragone OK
Primo Piano

Paragone: “Referendum: il tema di fondo è l’avversione nei confronti della casta”

Paragone: “Il potere politico che è sempre più di basso lignaggio, allora la gente dice: perché Di Maio e Azzolina possono fare i ministri e io no? E in parte ci può anche stare come ragionamento. Sono d’accordo con Di Battista, il M5S è finito. La percezione è che ormai sono diventati dei cadregari, dei poltronari, uomini di basso potere. Sono dispiaciuto perché un pezzo di Paese ha perso un’occasione per essere rappresentata da cittadini normali. Oggi non sono più cittadini normali, sembrano dei cardinali.” [CONTINUA]

gianluigi paragone OK
Primo Piano

Paragone: “Recovery Fund? Sono 4 spicci”

Paragone: “Ho suggerito a Casalino di farsi spiegare bene come mai il suo fidanzato è finito nel casino del trading online, così capirebbe bene l’inganno dei mercati finanziari. I mercati sono sviluppati sull’algoritmo dei giochi, il Mes è la stessa cosa. Alleanza con la Lega? Io ho l’obiettivo di realizzare l’uscita dell’Italia dall’UE, se per farlo devo allearmi con Marylin Manson io mi alleo pure con lui”
[CONTINUA]

gianluigi paragone OK
Primo Piano

Paragone: “Di Battista è troppo innamorato del M5S per lasciarlo”

Paragone: “Gli ho spiegato che siamo ad un bivio: o guardi l’album delle fotografie del M5S o dai risposte al Paese. Non parteciperà al mio nuovo progetto politico che ha già diverse adesioni. Conte non ha un passato movimentista anti-sistema, per questo Grillo lo vuole a capo del nuovo M5S, che è diventato una costola del Pd. Governo? Celebra messe senza soldi. Non riescono più a trovare una trama significativa, ormai è tutto legato al post, al tweet, all’annuncio. Siamo dentro una bolla di annuncite, la cui summa è rappresentata dagli Stati generali” [CONTINUA]