Attualità

Caso Orlandi, il fratello Pietro: “Dopo 36 anni Emanuela è ancora un’arma di ricatto”

Pietro Orlandi: “Dopo la farsa delle tombe vuote al teutonico e la figuraccia mondiale fatta dal Vaticano, sabato 20 luglio sarò presente all’apertura di due ossari. È sempre più chiara l’esistenza di una faida interna alla santa sede: ci sono due o più anime che si fanno la guerra. Dopo 36 anni Emanuela è ancora un’arma di ricatto per qualcuno e magari questo può aiutarci per arrivare alla verità. La strada è tracciata e non possono tornare indietro”

[CONTINUA]

Attualità

Il giallo Emanuela Orlandi e l’apertura di due tombe al cimitero teutonico

L’avvocato Sgrò, legale della famiglia Orlandi: “Un primo passo, un atto di coraggio di monsignor Parolin, ma il vento non è cambiato. Comunque noi avevamo chiesto l’apertura di una sola tomba, quella che risulta violata. Ancora una volta siamo stati informati prima dai giornalisti e poi dal Vaticano. Abbiamo nominato il dottor Giorgio Portera come perito di parte”. [CONTINUA]

Attualità

Pietro Orlandi: “Chi tace è complice disse papa Francesco, forse fu una sua forma di autoaccusa”

La scomparsa di Emanuela Orlandi 36 anni dopo. Pietro Orlandi: “Chi tace è complice disse papa Francesco, forse fu una sua forma di autoaccusa su Emanuela perché sa ma tace. Il pontefice è indirettamente complice. Dal Vaticano ancora una volta solo promesse non mantenute, nessuna inchiesta interna: mi sento tradito dallo stato in cui sono cresciuto. Dietro la scomparsa di mia sorella c’è un grande burattinaio che ricatta la chiesa. Ho scelto Sant’Apollinare per ricordarla perché lì ci sono il criminale, lo stato e la chiesa: De Pedis, Scalfaro e Poletti” [CONTINUA]

Attualità

Caso Orlandi, Sgrò: “Avrei preferito che l’indagine fosse stata aperta quasi 3 anni fa”

Caso Orlandi e l’indagine in Vaticano. L’avvocato Laura Sgrò, legale della famiglia Orlandi: “Avrei preferito che l’indagine fosse stata aperta quasi 3 anni fa, quando presentammo la nostra prima istanza. Comunque ringrazio il Cardinal Bertone e auspico che anche altri cardinali diano la loro disponibilità a essere ascoltati. Il Vaticano ha un carteggio sulla vicenda, condividiamolo insieme, analizziamolo insieme per scoprire cosa è successo a Emanuela. Intanto, noi indaghiamo da soli e non solo sulla tomba al cimitero teutonico. Tante persone sanno” [CONTINUA]