Dall'Italia

Governo incontra i sindacati

L’incontro con i sindacati promosso dal Presidente Conte tra i suoi primi atti dell’attività governativa rappresenta un segnale positivo. La ripresa del confronto periodico con le parti sociali, infatti, è essenziale per ricostruire quella coesione [CONTINUA]

Mario Adinolfi
Dall'Italia

Adinolfi: “Quello di Renzi è un capolavoro tattico per i suoi interessi personali”

Adinolfi: “Quello di Renzi è un capolavoro tattico per i suoi interessi personali, ma è imbarazzante che non vi sia la minima motivazione politica alla base della sua decisione. Con questa mossa Renzi si prende in mano la golden share del governo, sarà lui a decidere fin quando vivrà e quando morirà questo governo. Tutto il percorso dei gemelli siamesi Matteo, Renzi e Salvini, è intriso solo della smania di potere incondizionato, loro idee per il Paese non ne hanno”
[CONTINUA]

Dall'Italia

Civati: “Scissione Renzi? Suo partito simile a quello di Calenda”

Civati: “La verità è che quando faranno la legge elettorale proporzionale si tornerà a votare. Il Pd col proporzionale non c’è più. Se non c’è più un sistema elettorale che polarizzi su grandi partiti, è normale che ognuno si metta in proprio. Nell’intervista Renzi ha rilanciato i suoi temi, una posizione centrista classica, con venature liberali. E’ anche una tradizione nobile che andrebbe ripresa. Bisognerà capire se questo governo vorrà rilanciare anche gli investimenti pubblici e capire cosa diranno Renzi e il M5S. La cosa che manca in quell’intervista di Renzi è il clima. Franceschini? E’ eterno. E’ un ministro serial. Gioca sia col modulo di Allegri, che con quello di Sarri, ma soprattutto con quello di Conte”.
[CONTINUA]

Dall'Italia

Lombardi (M5S): “Renzi? L’importante è che gli impegni vengano mantenuti”

Lombardi (M5S): “Renzi? L’importante è che gli impegni che ha preso per la formazione del governo Conte 2 vengano mantenute, altrimenti dovrebbe risponderne davanti agli italiani sul perchè ha voluto questo governo e poi lo ha lasciato in balia delle onde. In questi mesi ho pensato: ma quando i miei figli mi chiederanno che cosa hai fatto in questi anni in politica? Io gli risponderò: ho personalizzato la politica mandando tutti a quel Paese, oppure ho dovuto lasciar stare le antipatie personali e trovare dei punti di caduta per fare le cose per il bene dei cittadini? Io ho scelto la seconda strada. Governo giallorosso? Bisogna fare le cose e dimostrare che non è un governo fatto solo per evitare le elezioni”

[CONTINUA]

antonio Di Pietro
Dall'Italia

Di Pietro: “Dal governo gialloverde a quello giallorosso? Invertendo l’ordine dei colori l’arcobaleno non cambia”

Di Pietro: “Autostrade? Invece di dire alla società Autostrade: allontanati dal Ponte Morandi perché l’hai fatto cadere, avrei detto: adesso lo rifai a spese tue sul modello che ti dico io e io ti controllo mentre lo fai. Accuse Di Matteo su Csm? Non facciamo di tutta l’erba un fascio, in tutte le categorie degli esseri umani possono esserci delle mele marce, ma buttare via tutto il cesto mi pare una semplificazione troppo azzardata. Conte? Bel discorso, ma promettere sempre la luna nel pozzo siamo tutti capaci. Conte ha promesso di tutto, ma avesse detto una sola parola di autocritica. Dalle mie parti si dice: chi parla forbito e sputa addosso a quello con cui stava prima non mi è mai piaciuto” [CONTINUA]

Dall'Italia

Paragone (M5S): “Mi hanno chiuso 3 trasmissioni per le idee che avevo”

Paragone (M5S): “Sarebbe paradossale se il M5S mi cacciasse dato che mi avevano chiamato proprio perché mi erano state chiuse le trasmissioni. Di Maio sta soltanto gestendo qualcosa che altri hanno scritto per lui. Fa bene però a non rimanere strozzato e a circondarsi dei propri amici perché, se devi giocare una partita impostata da altri, almeno hai delle persone che conosci e che possono giocare con te questa partita. Sarebbe stato sciocco se Di Maio avesse infarcito il governo di Fichiani solo perché si governa con il centrosinistra. La regola di questa Europa è cambiare i governi purchè non si cambino le politiche. Hanno addomesticato Conte che ora è un bellissimo pavone nello zoo europeo e si sono presi Gualtieri che è esattamente l’uomo educato a quel tipo di politiche. Se tu chiudi la finestra per evitare l’aumento dell’iva ma lasci aperta la porta, ecco che il ladro di entra dalla porta. Sarò una spina nel fianco all’interno del M5S e questo mi consentirà di raccogliere un malcontento che fra un po’ sicuramente verrà fuori. Castelli ormai è diventata una figlioccia del sistema, anche Villarosa non è più quello di prima”

[CONTINUA]