Confartigianato: nel 2021 Made in Italy a +3% rispetto pre-Covid-19

pasqua



L’analisi degli ultimi dati dell’Istat sul commercio estero evidenzia a maggio 2021 una flessione congiunturale, dopo quattro mesi di crescita, dovuta al calo delle vendite verso i mercati extra Ue. Su questa dinamica influiscono operazioni occasionali di elevato impatto (cantieristica navale), al netto delle quali si stima una flessione più contenuta (-1,2%). Nel trimestre marzo-maggio 2021, la dinamica congiunturale dell’export è ampiamente positiva. Su base annua, in ragione del livello molto basso di maggio 2020, l’export registra ancora una crescita molto sostenuta.

Il confronto con i livelli pre-pandemia – A seguito della caduta del commercio internazionale allo scoppio della pandemia, nei primi cinque mesi del 2021 l’export supera del 23,9% lo stesso periodo del 2020, ma grazie alla ripresa in corso si colloca anche al di sopra anche con l’export dei primi cinque mesi del 2019, anno pre crisi. Più dinamica l’area Ue, dove le vendite del 2021 superano nel 4,3% il livello del 2019, a fronte di un +1,6% dei paesi extra Ue; va meglio per l’Eurozona dove si registra un +4,9%. Nell’area del Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay, Venezuela) si registra un aumento dell’8,4%, stabile (-0,1%) l’export verso i paesi Asean (Birmania, Brunei, Cambogia, Filippine, Indonesia, Laos, Malaysia, Singapore, Thailandia, Vietnam), mentre sono in territorio negativo i paesi europei non Ue con un -2,5% e i paesi Opec (Algeria, Angola, Arabia Saudita, Ecuador, Emirati Arabi Uniti, Indonesia, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Repubblica islamica dell’Iran e Venezuela) con un -5,6%.

Miglior performance

Sui maggiori mercati si registra la migliore performance – con un tasso di crescita a doppia cifra – in Cina con +21,4%, Paesi Bassi con +20,1%, Belgio con +18,1%, Polonia con +17,5% e Turchia con +14,4%. Rilevante recupero anche per la Germania – primo mercato di destinazione del made in Italy – con un aumento dell’8,2% rispetto allo stesso periodo precedente all’emergenza sanitaria. In positivo anche i mercati del Giappone con +3,9%, Austria con +3,2%, Stati Uniti con +2,6% e Svizzera con +2,0%. Stabilizzate, rispetto ai livelli pre-crisi, le vendite verso la Francia (+0,7%) e Russia (+0,6%), mentre segnano un calo quelle verso la Spagna (-1,6%). Si registra un forte ritardo delle esportazioni rispetto ai livelli del 2019 in India con -10,3% e in Regno Unito con -14,8%.

Tra le prime dieci province per export verso la Germania, nel primo trimestre 2021 si registrano vendite di prodotti manifatturieri sul mercato tedesco superiori a quelle dello stesso periodo del 2019 per Bergamo, Vicenza, Roma, Verona, Treviso, Bologna e Modena.

I dati dell’Istat confermano le tensioni sulle quotazioni delle commodities importate: i prezzi all’import segnano un’ulteriore accelerazione della crescita su base annua (+9,0%, da +8,2% di aprile), cui contribuiscono i forti rialzi tendenziali dei prezzi dei prodotti energetici e dei beni intermedi.

C.S. Confatigianato

var url191239 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=191239”;
var snippet191239 = httpGetSync(url191239);
document.write(snippet191239);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21882 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.