Il condono dei “migliori”

draghi



Nel primo provvedimento economico emanato dall’unto da Bruxelles c’è un condono.

Un provvedimento che di fatto smentisce lo stesso Mario Draghi il quale il 18 febbraio ha affermato che “gli evasori fiscali sono tra i responsabili della macelleria sociale”.

Neanche un mese e Draghi si smentisce. Una smentita che premia i furbetti che se ne infischiano delle tasse e delle multe e che va a penalizzare coloro che, seppur tra mille sacrifici, sono sempre stati ligi nel pagare le tasse.

Chi paga viene preso per i fondelli

Il limite dei 30 mila euro di reddito non è sufficiente, a parer di chi scrive, in una nazione fatta di evasori di massa; si rinuncia, così, a 451 milioni di euro. Tra l’altro non è vero che quelle cartelle sono tutte inesigibili o prescritte; in realtà è una cancellazione con la quale si abbuonano l’imposta, gli interessi e le sanzioni anche a chi potrebbe pagare.

Paese senza speranza

Con le politiche adottate dai “migliori”, il messaggio che passa è quello di un’Italia senza speranza perché i furbi la spunteranno sempre. Draghi sostiene che il condono è una misura necessaria perché lo Stato non ha funzionato. Pertanto, invece, di intervenire nei meccanismi che non funzionano, si preferisce premiare i furbetti per punire, così, quei i cittadini che nonostante le inefficienze dello stato, hanno fatto il proprio dovere. E’ una situazione davvero paradossale, perché i cittadini per bene sono trattati alla pari dei fessi.

Questione culturale

Il messaggio lanciato dall’unto da Bruxelles è devastante dal punto di vista anche culturale. Le tasse si pagano per finanziare le attività dello stato, quindi la sanità, l’istruzione e la giustizia. Il condono, però, rinforza la tesi che pagare le tasse è da fessi perché anche chi non paga (oltre a risparmiare l’importo delle stesse) alla fine usufruirà degli stessi servizi di chi non evade. Non pago? Risparmio, godo dei servizi dello stato ed alla fine sono anche premiato: wow! Lo stato, in realtà, dovrebbe premiare chi paga le tasse e punire chi non le paga.

Evasione freno alla crescita

“L’evasione è un freno alla crescita perché richiede tasse più elevate per chi le paga, riduce le risorse per le politiche sociali, ostacola gli interventi a favore dei cittadini con redditi modesti”. Indovinate chi ha detto queste parole ad inizio anno? Non ci crederete: l’unto da Bruxelles. Se non fosse per l’umiliazione di chi fa sacrifici pur di onorare i propri debiti statali, ci sarebbe da ridere.

Nel frattempo…

Nel frattempo, mentre ancora suonano le fanfare del decreto sostegni (il primo decreto del governo dei migliori), tante partite IVA continuano a soffrire, i ristoratori continuano a penare, milioni di famiglie non sanno più come fare e gli italiani continuano ad essere in attesa dei vaccini. Nulla è cambiato se non in peggio. Vuoi mettere, però, che finalmente c’è il condono? Certo, il condono dei migliori.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22095 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.