Torna a Latina la “Tavolata italiana senza muri”

latina



Il Comune aderisce all’edizione 2020 che si terrà sabato 26 settembre in Piazza del Popolo

Si terrà anche a Latina l’edizione 2020 della “Tavolata italiana senza muri” organizzata a livello nazionale da Masci (Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani) e Focsiv (Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario) per sensibilizzare alla solidarietà, all’accoglienza e alla cultura della comunità inclusiva.

Dopo il successo dell’edizione 2019, il Comune di Latina, attraverso l’Assessorato alle Politiche di Welfare e Pari opportunità, ha aderito co-organizzando l’evento insieme alle comunità Masci e Focsiv presenti sul territorio pontino, con il coinvolgimento diretto del Siproimi – il Sistema di accoglienza per rifugiati e minori non accompagnati gestito dal Comune attraverso le cooperative “Il Quadrifoglio” e “Astrolabio” – e il supporto degli uffici diocesani di Caritas e Migrantes di Latina.

Sabato 26

L’iniziativa si svolgerà sabato 26 settembre, vigilia della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato e nel quadro delle celebrazioni del Tempo del Creato, in Piazza del Popolo, a partire dalle ore 12.00. Durante la Tavolata sarà offerto un pasto preparato presso la mensa cittadina della Caritas di Latina e tutto l’evento sarà un’occasione di convivialità e di condivisione di un pensiero comune espressione di valori di fratellanza, di inclusione e di accoglienza per una pacifica convivenza.

La gestione avverrà nel rispetto della normativa vigente in materia di Covid-19

L’Assessora al Welfare e alle Pari Opportunità, Patrizia Ciccarelli, dichiara: «Abbiamo aderito anche quest’anno con entusiasmo all’iniziativa promossa da Masci e Focsiv perché la consideriamo un’opportunità importante di sensibilizzazione sui temi dell’accoglienza, dell’inclusione, del rispetto e della valorizzazione delle differenze. Temi sui quali Latina, città dei diritti, è fortemente impegnata. Certo quest’anno l’iniziativa risentirà delle norme restrittive dettate dall’emergenza sanitaria e pertanto il numero dei partecipanti sarà contingentato ma comunque rappresentativo della nostra comunità. Ritrovarsi insieme intorno a un tavolo, in un luogo simbolo delle città, per condividere il pasto non sarà solo un’occasione per testimoniare l’impegno comune contro le tante forme di povertà, di emarginazione e di ingiustizia sociale ma sarà anche un’occasione per conoscersi meglio, consolidare le collaborazioni già in essere e promuoverne di nuove. Non solo testimonianza quindi ma impegno a promuovere ulteriori sinergie nel solco della sussidiarietà, unica strada per costruire un vero welfare di comunità».

Il Sindaco di Latina, Damiano Coletta, conclude: «Il senso della Tavolata italiana senza muri rientra nello spirito dell’Assessorato alla Pace. Perché ho sempre creduto che la pace passi per i valori della solidarietà, della tolleranza, del riconoscimento delle diversità, della volontà di non lasciare indietro nessuno. Latina è sempre più la città dei diritti, di tutti».

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21882 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.