Raggi: “Continuano i controlli della Polizia Locale nelle aree della movida”

movida



Così la Sindaca Virginia Raggi sulla sua pagina Facebook:

Continuano i controlli della Polizia Locale nelle aree della movida. Tra ieri sera e questa mattina, pensate, sono stati effettuati più di 7mila controlli sull’effettivo rispetto delle regole studiate per evitare la diffusione del Coronavirus.

Verifiche quindi nei quartieri di San Lorenzo, Monti, Ponte Milvio, Piazza Bologna e sul litorale romano.

Gli agenti, ieri sera, hanno multato alcune persone perché non rispettavano il distanziamento sociale in zona Monte Mario, mentre a Prenestina le pattuglie hanno sanzionato un ristorante di cucina etnica per non essersi adeguato alla nuova normativa.

Oltre 30 esercizi commerciali

Verifiche anche nel quadrante sud della Capitale, dove gli agenti del VIII Gruppo “Tintoretto”, insieme alla Polizia di Stato, hanno pattugliato i quartieri di Ostiense, San Paolo, Marconi e Eur.

In zona Ostiense, su oltre 30 esercizi commerciali, la nostra Polizia Locale ha rilevato una decina di irregolarità, in particolare nei minimarket, che hanno portato a sanzioni per oltre 8mila euro.

A Marconi ed Eur, infine, servizi mirati a contrastare la prostituzione che hanno portato a 5 sanzioni e Daspo urbani. Ringrazio davvero i nostri agenti, tutte le donne e gli uomini che ogni weekend portano sicurezza nelle strade di Roma.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19331 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.