Minacce di morte a Vasco Rossi sui social, l’associazione “Un ricordo per la pace” esprime solidarietà al rocker



Minacce di morte sui social al rocker Vasco Rossi in questi giorni a Los Angeles in preparazione del tour estivo VascoNonStopLive.

Immediata la reazione del cantante che ha denunciato lo spiacevole episodio condividendolo sulle piattaforme internet. Sotto il nickname di “crispyy mc cristoo” un messaggio inquietante: “Vasco Rossi morirai per mano mia bastardo tossicodipendente”.

Non si è fatta attendere la reazione del cantante : “Di auguri di morire ne avevo già ricevuti tanti – ha scritto Vasco – ma devo dire che è la prima volta che ricevo una minaccia così precisa. Ti aspetto amico…portati con te anche quello che ti ha messo il like” #socialmentecatti #sparatemiancora #minacce #lamoresopralapaura”.

Successivamente in alcuni video Vasco ha ribadito

“Avevo ricevuto degli auguri di morte tante volte, ma minacce dirette di morte ancora no, questa è la prima volta. Bene, io sono qui e non mi muovo (citando le parole del brano“Come vorrei”, ndr). Amico, non mi fai paura, la fregatura ormai non la prendo più”.

L’associazione “Un ricordo per la pace” è intervenuta con un comunicato sulla sua pagina facebook per esprimere affetto e solidarietà al rocker . Ha scritto Elisa Bonacini, presidente dell’associazione apriliana: “A nome della mia associazione e dei moltissimi fan di Vasco con cui ho avuto modo di rapportarmi negli ultimi mesi a seguito dell’iniziativa della medaglia d’onore al papà Carlino esprimo la massima vicinanza a Vasco, gli vogliamo bene. Davvero ingiusto riversare tanta cattiveria su un personaggio tra i più rappresentativi della positività e della voglia di vivere, che con i suoi pezzi fa fibrare le corde dell’anima di sentimenti autentici e senza tempo.

Attacco telematico

Non è raro, accade di trovarsi sotto attacco telematico: minacce, prese in giro sull’aspetto fisico o caratteriale o sulla propria attività se di tipo pubblico. Coloro che lo fanno, i cosiddetti “leoni da tastiera” sono solitamente convinti del fatto di poter agire impuniti sotto la protezione di profili falsi e anonimato. Minacce, calunnie, diffamazione in rete sono invece reati divenuti penalmente perseguibili con l’aggravante in alcuni casi della frode della sostituzione d’identità e la Polizia postale svolge un ottimo lavoro in tal senso. Speriamo che al più presto il folle autore dello spregevole gesto nei confronti di Vasco venga individuato e punito severamente e che ciò sia esempio per tutti gli altri. Internet è un mezzo straordinario, cerchiamo di utilizzarlo al meglio per un sano divertimento e semmai per azioni di pubblica utilità.

E voglio rivolgere un appello particolare ai più giovani, più fragili psicologicamente: Fate come Vasco, denunciate alla Polizia postale gli attacchi del cyberbullismo, non tenetevi dentro cose più grandi di voi che vi fanno soffrire ingiustamente.

Un abbraccio forte, Vasco. Siamo tutti con te.

Elisa Bonacini

presidente Associazione “Un ricordo per la pace”- Aprilia (LT)

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19301 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.