Brexit week: l’Ue perde 2 milioni di MPI



Dopo un lungo e continuo processo di allargamento che ha visto espandere l’Unione europea, con il raddoppio dei paesi membri in un ventennio – l’Ue è passata da 12 paesi membri nel 1994 a 28 paesi nel 2013 – si registra per la prima volta una uscita: mancano circa cento ore alla mezzanotte del 31 gennaio 2020, termine in cui scatta la Brexit.

Brexit

Secondo l’ultimo accordo negoziato ad ottobre 2019, dal 1° di febbraio il Regno Unito non parteciperà più alle istituzioni dell’Unione europea ma rimarrà fino alla fine del 2020 nel mercato unico e nell’Unione doganale, nella quale vige la libera circolazione di merci. Nel corso dell’anno, quindi, dovrà essere definita la relazione futura tra Ue e Regno Unito; secondo l’ultimo testo della Dichiarazione politica il futuro delle relazioni economiche si dovrebbe basare su un accordo di libero scambio, senza dazi né contingenti. In questa prospettiva si riducono i rischi emergenti nel caso di uscita del Regno Unito senza accordo, esaminati in una nostra precedente analisi.

Economia e piccole imprese

Con il recesso del Regno Unito, l’Unione europea ridimensiona il proprio peso economico, perdendo 67,7 milioni di abitanti, il 13% dell’Ue a 28, e 2.506 miliardi di euro di Pil, pari al 15,3% dell’Ue. Il peso della Germania, la maggiore economia dell’Unione, passa dal 20,9% del Pil dell’Ue a 28 al 24,7% del Pil dell’Ue a 27.

Dal prossimo 1° febbraio escono dall’Unione europea 2 milioni 85 mila micro e piccole imprese, con 7 milioni e 439 mila addetti – pari al 10,5% del totale dell’Ue a 28 – realizzavano 1.187 miliardi di euro di fatturato e 432 miliardi di valore aggiunto; con la più elevata produttività delle MPI del Regno Unito si riduce del 16,0% il valore aggiunto generato dalle micro e piccole imprese dell’Unione a 28.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23889 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.