Nettuno, celebrazioni per lo Sbarco Alleato



Si è svolta  in Piazza Battisti, davanti al monumento ai Caduti, la cerimonia ufficiale inerente alle celebrazioni per il 76esimo anniversario dello Sbarco Alleato. Presente il Sindaco della Città di Nettuno Alessandro Coppola, il Sindaco della Città di Anzio Candido De Angelis e le autorità civili e militari del territorio. Presente il Vicesindaco della Città Metropolitana di Roma Capitale, Teresa Maria Zotta in rappresentanza del Sindaco  Virginia Raggi, il Consigliere Regionale Eugenio Patanè, in rappresentanza del Presidente Nicola Zingaretti, i Sindaci e i rappresentanti dei Comuni di Cassino, Cisterna di Latina, Lanuvio, Aprilia, Nemi e Pomezia. Sono intervenuti anche Il Capitano Scott Bunnay, addetto militare E per la difesa in rappresentanza dell’Ambasciatore degli Stati Uniti d’America e il Colonnello Simon Lawrence, addetto militare e per la difesa in rappresentanza dell’Ambasciatore Britannico. Hanno presenziato alla cerimonia il Primo Dirigente del Commissariato di Polizia di Anzio e Nettuno, Andrea Sarnari, il Comandante ad interim della Compagnia dei Carabinieri di Anzio, il Capitano Raffaele Tufano, Comandante del II Gruppo Roma  della Guardia di Finanza, il Colonnello Ferdinando Falco, il Comandante della Guardia di Finanza della Compagnia di Nettuno, il Capitano Ambrogio Di Napoli, il Comandante della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Anzio, il Luogotenente Giuseppe Parisi, il Comandante della Capitaneria di Porto di Anzio, il Tenente di Vascello Luca Giotta, il direttore dell’Uttat di Nettuno, il Colonnello Roberto Di Costa, il Vicedirettore dell’Istituto per Ispettori di Polizia di Nettuno, il Commissario Mario Robertini, il Comandante del 13esimo Regimento della Brigata informazioni tattiche della Caserma Santa Barbara di Anzio, Colonello Domenico Sermon, il Comandante della Polizia Locale di Anzio Antonio Arancio e il Comandante facente funzione della Polizia Locale di Nettuno Albino Rizzo.

Omaggio ai caduti

Prima della cerimonia di Piazza Battisti, le autorità hanno reso omaggio ai caduti del Cimitero inglese di Falasche, del Cimitero del Commonwealth di Anzio, oltre che al Cimitero Civile di Anzio.
Nell’ambito delle celebrazioni per il 76esimo anniversario dello Sbarco Alleato il Sindaco di Nettuno Alessandro Coppola, inoltre, ha reso omaggio al monumento costruito dalla Terza Divisione di Fanteria americana, subito dopo la liberazione di Roma, presso il Bosco di Foglino, e alle vittime nettunesi della seconda guerra che riposano al Cimitero Civile di Nettuno. Il Sindaco, assieme all’Assessore al ai Servizi Cimiteriali Claudio Dell’Uomo, ha visitato le tombe di: Ida Mazzocchi e Giuseppina Zecchinelli, morte a seguito del bombardamento del 2 ottobre 1944 e Ida Fantini deceduta a seguito dello stesso bombardamento. Di quell’incursione aeree furono vittime anche le figlie di Ida Fantini. Maria Pia e Gianna Rocchetti di 8 e 4 anni morirono undici giorni dopo a seguito delle ferite riportate. Il Sindaco e l’Assessore, poi, hanno fatto visita alla tomba dei coniugi Francesca e Filippo Bernardi morti a seguito dei bombardamenti del 19 ottobre 1943. Tra le vittime civili nettunesi anche Maria Mascia, deceduta a seguito di un bombardamento dell’11 dicembre 1943. Infine è stato reso omaggio a Silvio Cafrini, Umberto Carofi, Felice Masin e Giuseppe Zitarelli morti il 2 agosto 1947 mentre stavano effettuando lo sminamento di un campo a Nettuno. Deposta, infine, anche una corona di fiori presso l’X Ray Beach, il punto esatto dove i soldati americani sono sbarcati, all’interno del Poligono Militare di Nettuno.

Omaggio ai soldati morti per la libertà

Dopo la celebrazione in piazza Battisti, le autorità hanno reso omaggio ai soldati morti per la libertà che riposano presso il Cimitero Americano di Nettuno. Una cerimonia molto sentita che ha visto l’apprezzata partecipazione del coro dell’Istituto Comprensivo Nettuno III che ha eseguito gli inni nazionali italiano e americano e l’inno “We Will Never Forget”. Tre studenti, poi, hanno raccontato la vita di tre soldati americani caduti durante la seconda guerra mondiale. A seguire le autorità civili e militari si sono recate al Monumento ai caduti in piazza Garibaldi ad Anzio per poi deporre una corona di fiori al Porto di Anzio sotto la targa che ricorda l’affondamento dell’incrociatore britannico Sparta,  colpito da un bombardamento tedesco nei giorni dello Sbarco in cui persero la vita 46 soldati, e sotto la targa The Duke of Wellington.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 17455 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.