Bonaccini: “Superare vecchi modelli sul termalismo”



“Le terme hanno un ruolo fondamentale per il welfare e l’economia del nostro Paese proprio per la loro specificità: da un lato “strumento di cura” e “possibile terapia”; dall’altro un volano per il turismo che si pone accanto ad altri punti di forza dei nostri territori: beni culturali, paesaggio, tradizione enogastronomica”. È questa la tesi di fondo sostenuta in diversi passaggi dell’intervento del Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Stefano Bonaccini, nel corso dell’evento che si è tenuto a Palazzo Giustiniani, in occasione del centenario di Federterme.

“Occorre un cambiamento culturale, politico e istituzionale per superare il modello novecentesco del termalismo. Siamo di fronte – ha proseguito Bonaccini – alla necessità di collocare il settore termale a metà strada fra la sanità e le politiche sociali da un lato e il turismo, lo sviluppo e le attività produttive dall’altro”.

Il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha poi ricordato i passi in avanti fatti grazie alla collaborazione tra la Conferenza delle Regioni e Federterme, soffermandosi su alcuni passaggi chiave dell’accordo Stato – Regioni del 17 ottobre: “E’ fondamentale aver previsto in questo accordo l’inserimento nei Livelli essenziali di assistenza delle cure termali. Ma occorre anche una revisione dell’elenco delle prestazioni termali da sottoporre alla Commissione Nazionale per l’aggiornamento dei Lea puntando sulle potenzialità del termalismo. Dobbiamo agire su criteri fondati su prevenzione, cura e riabilitazione, ma coniugabili con l’esigenza di governo attento della spesa sanitaria”.

Infine Bonaccini ha annunciato passi in avanti nella individuazione dei territori termali in condizioni di crisi economico-industriale: “Come sapete la Legge di Bilancio 2019 autorizza l’Inail a valutare investimenti immobiliari nel settore termale. La prima notizia è che queste tre aree sono state individuate sulla base di precisi indicatori. La seconda è che saranno individuate altre tre terne di località (Nord, Centro, Sud) da sottoporre all’Inail per ciascuno dei tre anni 2019, 2020, 2021”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22263 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.