Frosinone comune sempre più “green”

frosinone



Ecosistema

Frosinone guadagna nove posizioni

È stato pubblicato in data odierna il rapporto Ecosistema Urbano, la speciale classifica relativa alle performance ambientali delle città italiane realizzata, ogni anno, da Legambiente, Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore. Decisamente positiva la performance registrata da Frosinone: la ricerca 2019 vede, infatti, il capoluogo ciociaro piazzarsi al 92 posto, guadagnando ben 9 posizioni rispetto al 2018, senza tener conto dell’ulteriore miglioramento connesso all’aggiornamento dei dati sulla raccolta differenziata, che ha superato già da mesi la soglia del 70%.

Miglioramento generale

Qualche giorno fa, sempre Legambiente, aveva certificato il miglioramento della qualità dell’aria a Frosinone, mediante il dossier “Mal’aria” e la relativa campagna “PM10 ti tengo d’occhio”, che monitora le centraline dei capoluoghi italiani e gli sforamenti dall’inizio dell’anno. Il capoluogo si è collocato al tredicesimo posto, dopo aver conquistato, purtroppo, la non invidiabile prima posizione nel 2015; la seconda, nel 2016 e giungendo alla nona nel 2017.

Nuove soluzioni

A questo scopo, si ricorda inoltre che l’Amministrazione intende sperimentare se la chiusura delle scuole e degli Istituti di istruzione, per due giorni consecutivi, appunto il sabato e la domenica, tenuto conto della riduzione delle emissioni delle relative centrali termiche e del traffico veicolare, degli alunni e degli studenti, possa generare, insieme a ulteriori accorgimenti, una curva virtuosa nel rilevamento delle emissioni in atmosfera, anche in considerazione dei provvedimenti contingibili e urgenti che – in via alternativa – dovrebbero essere emessi dal Sindaco, volta per volta, laddove si registrino i singoli superamenti dei livelli massimi di tolleranza, previsti dalla normativa e dalla best practice.

La presenza del grande polmone verde del Parco Urbano del Matusa (dotato di spazi dedicati alle due ruote) e il nuovo sistema di piste ciclabili voluto dall’Amministrazione, infine, si inseriscono nel quadro più ampio di promozione di una mobilità ecosostenibile e di una migliore qualità dell’aria, in funzione della effettività del diritto alla salute.

Le parole del sindaco

“I report con i relativi dati pubblicati da Legambiente – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – certificano come gli accorgimenti introdotti dall’amministrazione comunale stiano portando benefici effettivi alla qualità dell’aria e all’ecosistema della nostra città. Si pensi all’introduzione di automezzi del trasporto pubblico tutti euro 5, euro 6 e a metano, o all’interdizione della circolazione stradale, allorquando si verifichino i livelli massimi di emissione, passando per la sperimentazione delle isole pedonali nella parte alta e in quella bassa della città o, anche, attraverso il controllo, per quanto di propria competenza, degli impianti di riscaldamento civili e industriali: gli strumenti citati, ben lungi dal risolvere alla radice il problema del particolato aereo, hanno, comunque, attenuato i livelli di emissione.

Leggendo il corposo studio realizzato, tuttavia, non si può che guardare con preoccupazione ai dati relativa alla dispersione idrica: la differenza percentuale tra acqua immessa dal concessionario di carattere provinciale e consumata per usi civili, industriali e agricoli è pari, nel capoluogo, al 75,4%: ci auguriamo che gli investimenti previsti per i prossimi anni, previsti dal gestore, possano portare a un miglioramento della distribuzione di un elemento prezioso come l’acqua. Per quanto riguarda i dati relativi alla raccolta differenziata, siamo passati, con l’introduzione del porta a porta su tutto il territorio comunale, dal 16 al 74%, percentuale raggiunta grazie agli sforzi di tutti i cittadini e di cui, siamo certi, si terrà conto nel prossimo report di Ecosistema urbano”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22630 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.