Bonacini : “Non dimentichiamo chi ha combattuto per la nostra libertà”



Sesto anniversario dell’istituzionalizzazione ad Aprilia della giornata a ricordo degli
aspri combattimenti della seconda guerra mondiale denominata “28 Maggio 1944: la Battaglia di
Aprilia” in memoria dei Caduti. Aprilia città martire per la liberazione di Roma avvenuta l’8 giugno
1944.
A quel periodo tragico della storia il Comune di Aprilia ha dedicato una mostra permanente
inaugurata nell’aprile 2013 presso l’auditorium dell’ I.I.S. “C e N. Rosselli”. Dal 2015 il locale è
divenuto di competenza del Liceo “A. Meucci” che ne ha richiesto la rimozione per decisione del
Consiglio d’Istituto. Nello stesso comprensorio studentesco nel febbraio 2014 era stato inaugurato il
Memoriale dedicato ad Eric Fletcher Waters ed ai Caduti senza sepoltura del 1944; promotori
dell’iniziativa l’associazione “Un ricordo per la pace” ed il veterano britannico Harry Shindler.
Interviene Elisa Bonacini, presidente di “Un ricordo per la pace” curatrice della mostra omonima
nonché erede della prestigiosa collezione di reperti militari esposti, materiali ereditati dal fratello
Ostilio scomparso nel 1999 ed affidati a titolo perenne e gratuito alla Città di Aprilia per finalità
museali. Nel 2012 fu la promotrice della giornata del ricordo della Battaglia di Aprilia.
“ Nella ricorrenza del 28 maggio – riferisce la Bonacini- è più grande in me l’amarezza nel vedere la
mostra in quelle condizioni di abbandono; oscurati e transennati reperti di inestimabile valore
storico e simbolico: il sacrificio di milioni di uomini provenienti da tutto il mondo morti a migliaia
nel nostro territorio nel 1944. Nelle uniformi in mostra l’ “anima” di chi le ha indossate ed il cuore
di chi le ha conservate nel ricordo dei propri cari. Nel 2013 arrivò per il “Museo di Aprilia” un
pacco da Londra con i cimeli di guerra di George Albert W. Ford del Royal Army Service Corps.
Anche Harry Shindler aveva donato le sue mostrine di guerra e alcune medaglie di famiglia. Loro
che hanno combattuto ad Aprilia avevano creduto nel nostro progetto di pace. Non deludiamoli.
Non dimentichiamo chi ha combattuto per la nostra libertà. Che le Istituzioni intervengano al più
presto per sbloccare la situazione. La mostra merita rispetto e valorizzazione. Nell’attesa del
promesso trasferimento nel centro di Aprilia il Comune prenda accordi con il Liceo per consentire
le visite della cittadinanza e delle scolaresche.”

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22316 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.